menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La chiesa degli "Scalzi" (foto Wikipedia)

La chiesa degli "Scalzi" (foto Wikipedia)

Chiesa degli Scalzi, perché si chiama così?

La chiesa si chiama, ufficialmente, Santi Pellegrino e Teresa. Fedeli (e non) la conoscono però come la "chiesa degli Scalzi"

La chiesa barocca dei Santi Pellegrino e Teresa, o degli Scalzi, fu edificata nel 1706 su progetto dell’architetto romano Giovan Battista Bartoli. Nell’area sorgeva l’antica chiesa medievale del SS. Salvatore (ornata dal maestro Filippo tra il 1213 e il 1224 , già interprete della facciata della chiesa di Santa Maria della Piazza), che fu demolita per la sua costruzione.

I Carmelitani Scalzi, ammessi ad Ancona con decreto pubblico del 28 febbraio del 1642, acquistarono la chiesa parrocchiale ormai in rovina e nel 1706, su progetto del confratello fra’ Giovanni Battista Bartoli, essi fondarono e dedicarono la nuova chiesa con il titolo di S. Teresa di Gesù, Santa Fondatrice e riformatrice dell’ordine del Carmelo. E’ proprio grazie alla proprietà di questa confraternita che il luogo di culto ha preso, confidenzialmente, il nome di “Chiesa degli Scalzi” (ndr).  I frati officiarono la chiesa fino al 2 gennaio 1798: in seguito all’occupazione francese, il convento annesso fu ridotto a caserma ed i beni in parte venduti.

Fonte: Comune di Ancona
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento