Arsenio Lupin "scappò" ad Ancona: quando la dorica era la star del cinema muto

Ancor prima dell'avvento del sonoro, Ancona aveva fatto la sua comparsa in diversi lungometraggi

Foto di repertorio - Il "Fantasma dell'Opera" di Rupert Julian

Negli anni del cinema muto la città di Ancona è stata protagonista di vari lungometraggi. Sì. Mentre Charlie Chaplin iniziava a divertire e incantare Hollywood con le storie del suo vagabondo, c’erano anche registi che avevano scelto la dorica come set per i propri film. Parliamo perlopiù di documentari, realizzati dal 1908 in poi, ma nell'elenco spicca anche il film "Arsenio Lupin scappa ad Ancona" del 1914. Questo è l’elenco riportato da Marche Cinema

I film

-    "Ancona pittoresca" (1908): documentario sulla città prodotto da Cines

-    "Le meraviglie di Ancona" (1908): documentario prodotto da Comerio L. di Milano 

-    "Il concorso ippico di Ancona" (1908)

-    "Giovan Battista Pergolesi" (1910): Episodi della vita del compositore G. B. Pergolesi. Il film uscì in Gran Bretagna e in Francia con il titolo “Pergolesi”, mentre in Spagna, curiosamente, fu proiettato con il titolo di “Pergolese”.

-    "Ancona" (1910):  Documentario sulla città di Ancona. Il film è stato distribuito in Germania

-    "Pergolesi" (1912): Episodi della vita del compositore prodotti da Milanese Film 

-    "Arsenio Lupin scappa ad Ancona": Il nome della città di Ancona appare nel titolo, che peraltro risulta sgrammaticato come sottolinea il volume I de "Il cinema muto 1905 - 1936" dell'Archivio del cinema italiano. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento