social

Arco Clementino, il monumento che "inquadra" la città

La foto del Duomo attraverso l'arco clementino è una delle più gettonate ad Ancona. Caratteristiche e storia del monumento

Arco Clementino - foto Angelica Lupacchini

L’Arco Clementino rappresenta una delle testimonianze del periodo dorico dell’architetto Luigi Vanvitelli. Dedicato a Papa Clemente XII che, nel '700, volle dare nuovo impulso all’economia della città con l’istituzione del porto franco. Così incaricò dunque l’architetto Luigi Vanvitelli dell’ammodernamento delle strutture portuali. Attraverso il profilo Instagram del Comune di Ancona, si legge come il monumento in questione sia stato eretto nel 1738 con l’intento di creare una porta monumentale che nobilitasse “l’accesso alla città e allo Stato Pontificio agli occhi dei mercanti stranieri appena sbarcati”, l’arco segna l’attacco del nuovo molo a quello antico di epoca traianea. Di ordine dorico, presenta due fronti differenti. In quello rivolto verso il mare, in pietra d’Istria, l’arco, a tutto sesto, è inquadrato da colonne con sovrapposta trabeazione adorna di conchiglie. Quello rivolto verso la città presenta invece un parametro di mattoni a vista, come la cinta muraria del camminamento in cui è inserito il Corridore. Sopra l’attico doveva essere collocata la statua di Clemente XII, scolpita a Roma da Agostino Cornacchini, attualmente situata in piazza del Plebiscito.

Il particolare 

Se lo si osserva, immedesimandosi nel navigante appena sbarcato, l’Arco Clementino funziona come cannocchiale verso la città: un punto di vista privilegiato che, attraverso la sua arcata, inquadra l’Arco di Traiano e la cattedrale di San Ciriaco. (Foto Angelica Lupacchini)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arco Clementino, il monumento che "inquadra" la città

AnconaToday è in caricamento