Università, donne rare a Ingegneria: meno del 18% a Meccanica e Informatica

L'Univpm presenta il Bilancio sociale e il supplemento di genere dal quale emerge che sono davvero poche le universitarie che scelgono la materie scientifiche

un momento delle lauree in piazza ad Ancona

Ingegneria meccanica? Appena il 12% degli iscritti è di sesso femminile. Non va tanto meglio a Informatica con solo il 18%. In generale Ingegneria riesce davvero poche studentesse: il 27% stando al Bilancio Sociale e il Supplemento di Genere dell’Università Politecnica delle Marche presentato questa mattina dal rettore Sauro Longhi. «È evidente che c'è qualcosa che non va nella comunicazione - ha sottolineato il rettore - non esiste una genetica nell'attività che uno vuole e può svolgere». Anche per questo, al bis del Bilancio sociale già presentato lo scorso anno, si è voluto abbinare il Bilancio di genere. «Sul fronte dell’occupazione – ha detto Giulia Bettin, delegata del Rettore alle Pari Opportunità - come sappiamo esiste un problema serio, in termini di genere, per quanto riguarda il divario occupazionale e retributivo tra uomini e donne per i nostri laureati però il dato è in controtendenza rispetto alla media nazionale infatti il divario tra maschi e femmine nel tasso di occupazione e per la retribuzione è minore rispetto alla media nazionale». In totale la Politecnica ha 16,886 iscritti ai corsi di studio nell’anno accademico  2017/2018. Sono 8.558 maschi e 7.032 femmine ma tra una facoltà e l'altra le situazioni sono molto diverse: Medicina e Scienze sono in rosa con il 65 e il 67% di studentesse mentre Ingegneria è un regno prettamente maschile (73%). Meno il divario ad Agraria (65% maschi, 35% femmine) mentre i due sessi giocano pressoché alla pari a Economia (53% maschi, 47% femmine). Sempre dal Bilancio sociale emerge che il 66% degli studenti iscritti è regolare, ossia è iscritto da un numero di anni inferiore o uguale alla durata normale degli studi rispetto all’anno di ingresso in Ateneo e all’anno di corso di prima iscrizione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’età media alla laurea è mediamente più bassa di quella italiana: 25,3 anni per UnivPM contro una media italiana di 26 anni e il tasso di occupazione dei laureati UnivPM di tutti i livelli, ad un anno dal conseguimento della laurea, è attorno al 55%, in media nazionale mentre risulta più elevata la percentuale per i laureati magistrali biennali (quasi 80%, contro il dato medio nazionale del 73%). Il tasso di occupazione a 5 anni dalla laurea è pari al 91,9% contro l’86,6% della media nazionale. Le retribuzioni dei laureati UnivPM sono più alte rispetto alla media italiana: arrivano a 1.506 euro netti mensili a fronte dei 1.410 euro della media nazionale. Alla presentazione hanno partecipato anche rappresentanti delle categorie produttive. Francesca Gironi, presidente di Coldiretti Donne Impresa Marche per l'agricoltura, e Roberto Cardinali, vicepresidente della Piccola Industria di Confindustria Marche. «Come imprenditrici - ha detto la Gironi - viviamo aspetti di uguaglianza e disuguaglianza tutti i giorni, soprattutto per quanto riguarda il poter coniugare la famiglia con la professione. Da diversi anni, come Coldiretti, abbiamo previsto nell'ambito dell'agricoltura sociale progetti di agriasilo e agrinido dove le donne possono dire la loro. La stessa Coldiretti, a livello istituzionale, è in controtendenza rispetto all'Italia: nelle Marche i ruoli chiave sono rivestiti da donne come Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche e membro della giunta nazionale, Alba Alessandri, delegata Giovani Impresa, e Giuliana Giacinti alla guida di Terranostra». Per Cardinali è fondamentale «costruire con le università un’industria 4.0, efficientare i processi e recuperare un gap di produttività. Le università possono contribuire a rinnovare il mondo delle imprese trovando spazi di innovazione ini settori maturi incrementando il numero e il valore dei progetti di ricerca applicata, infine è importante rafforzare le partecipazioni delle imprese anche nella didattica per rendere più facile lo scambio di domanda e offerta e il passaggio dal mondo della formazione a quello del lavoro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento