Il Procuratore Generale Sottani agli studenti: «Chi sbaglia sia punito, ma la pena serve a recuperare»

Il presidente del Consiglio regionale e il Procuratore generale della Corte d'Appello Sergio Sottani hanno incontrato gli studenti per parlare di cittadinanza responsabile e rispetto delle regole

Sergio Sottani

Oltre cento studenti del Liceo Rinaldini di Ancona hanno partecipato questa mattina all'iniziativa “A scuola di legalità”, promossa in collaborazione con il Consiglio regionale e la Procura generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Ancona. Nell'aula magna dell'istituto, dopo l'introduzione della dirigente scolastica Anna Maria Alegi, il presidente dell'Assemblea legislativa e il Procuratore Sergio Sottani hanno risposto alle domande dei ragazzi, spiegando i principi della legalità che stanno alla base della convivenza civile. Dai tempi della giustizia italiana al rapporto tra crisi economica e criminalità, passando per l'autonomia regionale e la tutela della sicurezza. Tante le questioni sollevate dagli studenti alle quali sono state fornite risposte citando la Costituzione e i diritti garantiti dall'esercizio del potere giudiziario. Il Presidente si è soffermato sul valore assoluto della legalità e ha spiegato ai ragazzi l'importanza di fare squadra, creando una rete tra istituzioni, scuola e famiglia, soprattutto per contrastare fenomeni come il bullismo e il cyberbullismo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La libertà, l'uguaglianza e l'indipendenza – ha sottolineato il Procuratore Sottani – sono i tre principi su cui si fonda uno Stato e sono principi tutelati dalla legalità. La legge non esclude, ma include, ed è sinonimo di solidarietà. Chi sbaglia deve essere punito, ma la punizione serve per recuperare e ricomporre il tessuto sociale, senza lasciare nessuno da solo». Anche il Procuratore, citando alcune inchieste legate alla rete, ha invitato i ragazzi ad un uso consapevole delle nuove tecnologie e dei social network. L'iniziativa si inserisce tra le azioni promosse dalla legge regionale sulla cultura della legalità che riconosce come strumenti principali per promuovere la cittadinanza responsabile l'educazione e la sensibilizzazione delle nuove generazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tampone obbligatorio per chi torna dai quattro Paesi monitorati

  • Coronavirus, sale la conta dei positivi: nelle Marche sono 32

  • Bonus Inps, Rubini su Facebook: «Io l'ho preso, ora processatemi»

  • Terribile schianto in autostrada, donna si ribalta con l'auto: atterra l'eliambulanza

  • Click, la cometa è servita: lo scatto perfetto di Andrea immortala lo spettacolo

  • Si tuffa dalla nave, rischia di essere tranciato dalle eliche: lo salva la polizia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento