rotate-mobile
Salute

Un gran traguardo per la sanità marchigiana: superate le 100 donazioni di midollo osseo in 23 anni

I donatori attivi iscritti al Registro regionale sono 9.322 e nei primi tre mesi del 2022 sono state gestite sei donazioni arrivando a 101 donazioni

Il Registro marchigiano dei donatori di midollo osseo (Ibmdr) supera il traguardo delle 100 donazioni di cellule staminali emopoietiche, dal 1998 ad oggi. "Per i malati onco-ematologici che vedono fallire ogni tipo di terapia e che non trovano un familiare a loro compatibile, il trapianto di midollo osseo da Registro, diventa l'ultima possibilità di vita- spiega l'assessore regionale alla Sanità, Filippo Saltamartini-. Un grazie va dunque alle associazioni, che sono la parte migliore della nostra società perché diffondono la cultura della solidarietà, spingono le donazioni e ci rendono una regione virtuosa e al personale sociosanitario". I donatori attivi iscritti al Registro regionale sono 9.322 e nei primi tre mesi del 2022 sono state gestite sei donazioni arrivando a 101 donazioni (55 di midollo e 46 di cellule staminali periferiche ossia Pbsc). Tra loro anche il giovane donatore Patrick Meschini, 31 anni di Montegranaro. "Non è difficile né pericoloso- spiega-. In poche settimane si fanno le analisi necessarie e poi la donazione. Sono cresciuto in un ambiente dove ho imparato l'importanza di mettersi al servizio degli altri e sono anche capo scout. Con poco possiamo fare davvero tanto". Una testimonianza commovente che ha convinto l'assessore Saltamartini a indicarlo come "un esempio che proporrò alla presidenza della Repubblica per un riconoscimento ufficiale".

Patrick ha ricevuto una t-shirt in regalo con la scritta '100 volte grazie' dal ricevente Lorenzo Rossini, 48 anni di Pesaro. "Identifico in te- dice Rossini- il donatore anonimo che ha restituito la vita a me e di conseguenza alla famiglia che ho avuto la possibilità di creare". La responsabile del Registro regionale Ibmdr, Alessandra Zoli, ha sottolineato come le Marche "abbiano arruolato nel 2020/2021 387 nuovi donatori", mentre la responsabile del Centro regionale trapianti, Francesca De Pace, ha snocciolato numeri incoraggianti. "Per la nostra regione il 2021 è stato un anno eccezionale con 87 trapianti, di cui uno da donatore vivo- dice De Pace-. Si tratta di 37 trapianti di fegato e 50 di rene (uno appunto da donatore vivente). E già quest'anno sono stati effettuati 36 nuovi trapianti (14 di fegato e 22 di rene)". Il 30% delle 101 donazioni risalgono agli ultimi cinque anni, nonostante la pandemia da Covid, grazie alla attività dei Centri donatori che hanno coordinato sempre tutte le fasi di donazione, collaborando con le Ematologie e le Medicine trasfusionali delle Marche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un gran traguardo per la sanità marchigiana: superate le 100 donazioni di midollo osseo in 23 anni

AnconaToday è in caricamento