Ospedale Marche Nord, inaugurata la nuova tac di ultima generazione

Un investimento di oltre un milione di euro da parte della Regione Marche che consente di poter eseguire scansioni rapide ad altissima definizione, utilizzando una minima dose di radiazione

foto d'archivio

Una nuova TAC, top di gamma e di ultima generazione nel segmento delle tecnologie sanitarie per la diagnostica per immagini. Questa mattina presso il presidio San Salvatore di Pesaro dell’azienda ospedaliera Marche Nord è stato inaugurato il nuovo macchinario. Un investimento di oltre un milione di euro da parte della Regione Marche che consente di poter eseguire scansioni rapide ad altissima definizione, utilizzando una minima dose di radiazione. In particolare questa TAC è adatta anche ai grandi obesi che fino ad oggi dovevano rivolgersi altrove per realizzare questo tipo di esami.

“Si tratta di un bel percorso -  spiega il presidente della regione Marche Luca Ceriscioli che ha tagliato il nastro – sugli investimenti in sanità che  hanno un valore straordinario in termini di  nuove tecnologie e  più qualità nei servizi.  E’ una risposta che il cittadino attende e poterlo fare con il massimo  della tecnologia disponibile ci garantisce  un esame  accurato e veloce e nel caso della tac a bassa radiazione. Un rinnovamento in corso  in tutta la regione  e che per Marche Nord ha significato un’impennata del 200% rispetto agli investimenti nel triennio 2013/2015.  Questo è il risultato di una grande operazione fatta tra il governo nazionale precedente e la Regione che ha sbloccato 200 milioni di euro destinati  agli investimenti. Nel caso specifico di Marche Nord infatti,  dal 2015 a oggi, la Regione ha messo a disposizione oltre 25 milioni di euro di investimenti per le nuove tecnologie, per le risorse strutturali e il rinnovo apparecchiature informatiche. L’azienda è stata brava a spendere questi soldi per tradurli in un rinnovamento di tecnologie biomediche senza precedenti per il territorio e il macchinario che inauguriamo oggi è l’ennesima dimostrazione. Risorse che vanno a beneficio dei pazienti, della personalizzazione ed umanizzazione delle cure. Grazie alle risorse di questi ultimi tre anni l’azienda e i suoi professionisti hanno a disposizione tecnologie (penso al robot Da Vinci, alle colonne laparoscopiche) per realizzare interventi sempre più complessi, ampliando l’offerta delle cure a disposizione dei cittadini proprio vicino casa. E’ questa la mission di un’azienda ospedaliera come è Marche Nord”.

“L’amministrazione si fa con i fatti e non con le parole – aggiunge il sindaco di Pesaro Matteo Ricci - . La tac è uno dei fatti concreti che siamo riusciti ad ottenere grazie ad una inversione di tendenza  molto importante. In tutti gli ambiti della società,  e in particolare nella sanità, la sfida tecnologica è fondamentale  per fare passi avanti nella modernizzazione e del miglioramento dei servizi e questa tac innovativa, anche per persone con problemi di obesità, è un servizio ulteriore che diamo a tutti i cittadini che avranno bisogno di una diagnosi  approfondita. Stanno inoltre andando avanti, sempre nella massima collaborazione tra Comune e Regione, i lavori per la nuova struttura di Muraglia. E’ questo il modo giusto di lavorare”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“E’ un macchinario di ultima generazione: attualmente sono installate in Italia meno di 10 apparecchiature di questo modello e ancor meno con la configurazione bariatrica scelta da Marche Nord -  spiega Maria Capalbo, direttore generale di Marche Nord – è dotata di un lettino porta-paziente di elevata portata (307 kg) e relativi accessori che consentono di aprire la strada alla chirurgia bariatrica (per i grandi obesi) nelle nostre strutture. Anche i pazienti claustrofobici non avranno problemi, visto l’ampia apertura del gantry (78 cm). Inoltre, la bassa dose erogata e i ridotti tempi di esecuzione degli esami sono particolarmente favorevoli per i pazienti pediatrici e cardiologici. Per questo abbiamo voluto fortemente anche tutta la parte relativa al percorso di umanizzazione dei locali adibiti per queste prestazioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Concorso pilotato per favorire la fidanzata di un medico, primario nei guai

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento