rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Salute Fabriano

Avis Fabriano, eletto il nuovo consiglio direttivo: primi posti per donazioni

L'associazione conta 2136 soci effettivi, 33 soci non donatori con 82 nuovi iscritti

L'Avis di Fabriano ai vertici regionali per numero di donazioni. «Con questi numeri - si legge nella nota - la grande “famiglia” Avisina di Fabriano: 2136 soci effettivi, 33 soci non donatori, (totale 2169) con 82 nuovi iscritti e un solo socio cancellato si appresta ad affrontare, nonostante questo grave momento di crisi sanitaria, le sfide future per mantenersi ai vertici regionali sia come numero di donazioni che per quelle pro-capite e non ultimo come incidenza rispetto alla popolazione». La presidente uscente Rosa Brandi, riconfermata nel Consiglio Direttivo per il lavoro svolto in un periodo difficile per la vita di una Associazione in cui la Pandemia ha messo a rischio la salute dei donatori «che comunque, nonostante tutto, hanno continuato a compiere encomiabilmente le loro buone azioni quotidiane, oggi è di nuovo parte integrante di un gruppo dirigente composto da, come detto: Rosa Brandi, Sebastiano Paglialunga, Luciano Bano, Alterio Cosimo, De Santi Gabriele, Bergantini Francesco, Bartoccetti Maurizio, Bartocci Sante, Gubinelli Maria Liana, Pino Pariano, Gattucci Daniele».

Dunque «l’invito alle migliaia di donatori di prendere parte alle elezioni che si sono tenute nella sezione Avis in via Mamiani ha avuto un buon esito, grazie anche all’impegno della Commissione Elettorale composta da Rita Michelini, Sandro Biondi e Brenno Bartolo. Ora il neo eletto Consiglio Direttivo, dovrà provvedere anche, oltre alla costituzione delle nuove cariche sociali, al compito di imprimere ulteriore dinamicità e vivacità di vita ad una delle Associazione di volontariato cittadine più rilevanti, non soltanto in termini quantitativi, della nostra Provincia e dell'intera Regione».

«Davanti a queste nuove sfide – ha commentato il presidente Paglialunga - l’Avis non indietreggia, come ha sempre fatto nei suoi 70 anni di storia, sempre in prima linea per accrescere e rafforzare i nostri impegni dedicati alla promozione della cultura della donazione: incontri con gli studenti sia al centro trasfusionale che nelle scuole, per quanto possibile riorganizzare gite e momenti d’incontro, eventi molto attesi e partecipatissmi, organizzare e prendere parte a tante manifestazioni cittadine alle quali abbiamo dato il nostro contributo sia economico che personale e su tutto il nostro auspicio di fondo è quello di ampliare il numero dei nuovi donatori».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avis Fabriano, eletto il nuovo consiglio direttivo: primi posti per donazioni

AnconaToday è in caricamento