Arriva il freddo, visite senza uscire per gli anziani della residenza protetta

La Residenza Dorica ha acquistato un ecografo per evitare trasferimenti dei propri ospiti in ospedale o in altre strutture per eventuali esami

Evitare agli ospiti inappropriati trasferimenti, in modo particolare durante la stagione fredda, oramai alle porte, tutelare la fragilità, migliorare l’accuratezza e la gestione degli accessi vascolari. Con questi obiettivi l’RSA anconetana “Residenza Dorica” ha pensato di dotarsi di un ecografo portatile di ultima generazione con il quale effettuare gli esami del caso, andando appunto incontro alla qualità della permanenza in Struttura dell’anziano ospite. L’idea del dr. Giordano Galeazzi (formazione SIUM – Scuola Italiana Ultrasonografia Medica) è stata subito sposata dalla Direttrice della Struttura, Lucia Masiero, e dal Direttore Sanitario, Teresa Cassano, che hanno provveduto ad attivare questo nuovo servizio che rappresenta a tutti gli effetti un valore aggiunto rivolto agli anziani Ospiti della Struttura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’Rsa anconetana «sta facendo del benessere e della qualità della loro vita dei suoi ospiti - si legge in una nota - il proprio obiettivo principale. A tal proposito in Residenza Dorica fioccano le iniziative quotidiane che consentono agli ospiti di svolgere attività terapeutiche, ricreative e culturali, quali attività di gruppo come la lettura ed il commento dei giornali con le notizie di cronaca locale, la ginnastica dolce e l’ascolto musicale, le sedute di stimolazione sensoriale, la terapia occupazionale e le feste a tema volte alla valorizzazione degli ospiti ed al coinvolgimento dei loro congiunti, affinché entrambe possano continuare a condividere momenti di vita in un’atmosfera familiare». Nella struttura è presente anche uno spazio aperto uno spazio, denominato il “Giardino della Residenza”, ovvero un’area verde con i giochi per i nipoti degli ospiti dell’Rsa e per figli dei dipendenti che è stata anche attrezzata per la fisioterapia e la rieducazione funzionale all'aperto tanto che, nell’estate che si è da poco chiusa, le attività svolte in quest’area sono state molte e con cadenza quotidiana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento