Strage di anziani nelle case di cura, la Lega: «Le responsabilità sono a livelli più alti»

Il capogruppo regionale Sandro Zaffiri: «Bene l’intervento della magistratura, ma si rischia di crocifiggere chi è stato lasciato da solo nell’emergenza»

Sandro Zaffiri, capogruppo della Lega

«Non mi stupisce l’apertura in serie di fascicoli d’indagine su quello che è accaduto e sta ancora accadendo nelle case di riposo e residenze protette marchigiane, ma puntando la lente verso l’obiettivo sbagliato si corre il rischio di accendere soltanto un fuoco di paglia». Così Sandro Zaffiri, capogruppo della Lega in Consiglio regionale.

«Ampiamente prevedibile il fatto che un virus così aggressivo potesse mietere vittime nella popolazione anziana, tanto più se in condizioni di salute non ottimali e se costretta a vivere in spazi ristretti. Quello che a metà dello scorso mese di marzo si prefigurava soltanto come un rischio enorme e che personalmente avevo cercato di segnalare a mezzo stampa, oggi è deflagrato sia dentro che fuori quelle strutture per anziani. E purtroppo con numerosi morti e una lunga lista di indagati. Ritengo, però, in tutta sincerità, che cercare i responsabili dentro le mura di quelle strutture dove, senza fare distinzioni, dai direttori sanitari fino all’ultimo degli inservienti, inclusi medici, infermieri e assistenti sanitari, hanno operato nell’emergenza, con il massimo impegno e in assenza  di precise indicazioni, sia sbagliato, oltre che profondamente ingiusto». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Se è accaduto (e mi immagino che sia accaduto) che i vertici di quelle strutture si sono trovati di fronte a dover fare delle scelte in totale autonomia, se il personale non ha indossato i sistemi di protezione, se ci si è trovati a corto di mascherine e guanti, ma si è comunque cercato di garantire assistenza ai ricoverati, credo che le responsabilità vadano individuate ad un livello più alto - continua Zaffiri -. Mi riferisco evidentemente alle massime istituzioni regionali, Presidente e Giunta regionale, incapaci non soltanto di agire tempestivamente e dettare delle linee guida univoche e specifiche per le case di riposo e le residenze per anziani, ma, ancora più colpevolmente, incapaci di ascoltare gli appelli e percepire, anticipandola, l’emergenza. In quella direzione e nelle falle del sistema di protezione civile che, da parte sua, non ha saputo garantire l’adeguata fornitura e distribuzione dei presidi di protezione la Magistratura dovrebbe meglio muoversi se davvero intende trovare delle responsabilità vere».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • «Non faccio sesso da 2 anni», donna lo urla ed arrivano decine di persone

  • «Con quella mascherina nera non può votare»: avvocatessa respinta dal seggio

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento