rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Politica

Nomi storici del partito e civici, ecco la lista dell'Udc: «Attenti ai bisogni delle fasce più deboli della popoalzione»

Lo scudo crociato appoggia la candidatura a sindaco dei Daniele Silvetti e vuole contribuire alla vittoria


ANCONA- Ci sono i nomi storici del partito ma anche civici nella squadra che l’Udc porta alle elezioni amministrative del 14 e 15 maggio. La lista, formata da 32 aspiranti al Consiglio comunale, appoggia la candidatura a sindaco di Daniele Silvetti. «Mi onora avere al fianco l’Udc, dove c’è un’identità politica forte con radici profondissime, che continua a fare la storia di questo Paese- dichiara Silvetti-. Ci accomunano i valori della famiglia, dell’individuo al centro della società, la solidarietà e l’armonia. Questa città ha bisogno di ritrovare la sua coesione sociale, ha deficit in termini di sussidiarietà, accoglienza, ricettività. Servono risposte per la povertà e per le fasce di popolazione più disagiate. Noi saremo credibili e attenti alle necessità dei cittadini. Il cambiamento è un’opportunità, non bisogna avere paura». «L’Udc porterà un contributo di valori e principi fondamentali in questo territorio- dichiara il sen. Antonio De Poli, presidente nazionale Udc-. La nostra priorità è dare attenzione alle fasce più deboli della popolazione e questo significa dare risposte e attenzione alla comunità. Una comunità che ama Ancona e che per questo crede in Daniele Silvetti sindaco». In una gremita sala dell'Hotel Palace Sergio Capitoli, segretario provinciale dell’Udc, ha presentato la lista dei 32 candidati consiglieri comunali. Capolista è Luca Savoiardi, presidente del Comitato Paralimpico Marche. Ci sono 15 donne e 17 uomini; nelle'elenco compaiono due giovanissimi: una studentessa liceale di 18 anni e mezzo, Chiara Cyrbja, e uno studente che ha appena compiuto 18 anni guadaganndo il titolo di più giovane di tutte le 18 liste in lizza. Tra i nomi già noti dello scudo crociato quello dello stesso Capitoli e di Massimo Meles. Tra i nomi del mondo civico balza all’occhio quello di Alberto Caporlaini, presidente della Croce Gialla Ancona.

IMG_3226

«La lista dello scudo crociato è ibrida perché composta anche da molti civici che hanno condiviso con noi questo progetto- afferma Antonio Saccone, commissario regionale Udc Marche- In tutti questi anni il Dna dell’Udc non è mai cambiato, è rimasto sempre lo stesso. Per noi è importante non lasciare indietro nessuno, piuttosto avvicinare e creare un ponte con la diversità. L’Udc da sempre rappresenta il punto di equilibrio, di mediazione. Siamo la soluzione ai problemi. Siamo coerenti con la nostra storia e il nostro futuro». «L’apertura ai civici e la loro presenza in lista rappresenta un passo avanti molto importante per il nostro partito che dal 1945 contribuisce alla crescita del Paese. Queste persone hanno scelto di intraprendere un percorso portando le proprie esperienze per migliorare la città- commenta Dino Latino, presidente del Consiglio Regionale delle Marche-. Dal ’92 ad Ancona si sono susseguiti continui “No” al cambiamento, adesso è il momento di dare migliaia di “Sì”». «L’apertura al mondo civico è la risposta alla richiesta dei cittadini rispetto ad una politica piegata su sé stessa- interviene il portavoce dell’Udc Vittoriano Solazzi-. Daniele Silvetti è una persona preparata, competente, a modo, corretta. È la persona giusta per guidare la città e vogliamo contribuire alla vittoria. Ancona ha grandi potenzialità e merita molto di più di quel poco che le è stato dato in questi anni». Al termine del suo intervento il candidato sindaco ha lanciato frecciatine alla candidata sindaco del centrosinistra e all’amministrazione uscente. «Sembra che al governo della città ci siamo noi». E ancora, «vogliono farci credere che l’ordinario sia lo straordinario». Poi l’affondo diretto alla Simonella che nei mesi scorsi ha paragonato le grotte del Passetto ai sassi di Matera, e alla sindaca Mancinelli che ieri ha paragonato la scalinata del Passetto a Trinità dei Monti a Roma. «Perché andare a paragonare le nostre identità con altri luoghi? Noi siamo fieri della nostra identità, delle nostre radici e vogliamo valorizzare i nostri luoghi. Il governo della città non lo vogliamo per noi stessi, ma per gli anconetani».

CANDIDATI CONSIGLIERE COMUNALI LISTA UDC

Savoiardi Luca, dipendente e presidente Comitato Paralimpico Marche
Capitoli Srgio, geometra libero professionista
Baccani Andrea, intermediario assicurativo,
Bartoli Giacomo, commerciale vendite
Brinda Aurora, imprenditrice
Caporalini Alberto, agente di commercio e presidente Croce Gialla Ancona
Cicconi Diletta, impiegata
Crispiani Riccardo, avvocato
Cyrbja chiara, studentessa liceale
Fiumicelli Martina, personal trainer
Ghergo roberta, dipendente 
Giaccaglia Gabriella, pensionata
Guido Mariapaola, impiegata
Incoglia Gianluigi, broker medicale
Lewandowski Francesco, dipendete pubblico
Macchia Vito, ingegnere
Martini Barbara, casalinga ed ex componente Commissione Pari Opportunità
Matarese Serena, impiegata
Medici Fernando, pensionato
Meles Massimo, pensionato
Mercuri Sauro, medico
Morichi Matteo, avvocato
Moroni Mariachiara, casalinga
Ottaviani Gabriella, impiegata
Parisi Cecilia, fisioterapista
Pieroni Cinzia, dipendente Ast – Tecnico di prevenzione
Provvido Silvia, operatore socio sanitario
Remini Rosita, impiegata, madre di 7 figli
Sopranzi Massimiliano Junior, studente calciatore 
Donato Massimiliano, impiegato
Telarucci Marco, commercialista

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nomi storici del partito e civici, ecco la lista dell'Udc: «Attenti ai bisogni delle fasce più deboli della popoalzione»

AnconaToday è in caricamento