Martedì, 16 Luglio 2024
Politica

Grande Ancona, Tombolini: "Senza il Pd il progetto va avanti"

"Finalmente senza PD e company il progetto della grande Ancona va avanti senza tentennamenti. Poco meno di cento giorni, passati ad analizzare la struttura, verificarne la funzionalità per cercare di capire dove lavorare per correre alla massima velocità. Una sorta di messa a punto, ma mirando già ad alcuni obiettivi"

ANCONA - "Finalmente senza PD e company il progetto della grande Ancona va avanti senza tentennamenti. Poco meno di cento giorni, passati ad analizzare la struttura, verificarne la funzionalità per cercare di capire dove lavorare per correre alla massima velocità. Una sorta di messa a punto, ma mirando già ad alcuni obiettivi". Parole dell'assessore ai lavori pubblici del Comune. 

"Un lavoro mai fatto prima, tanto che programmazione, procedure, verifiche, progettazione e controllo di compatibilità economico finanziaria sono aggettivi quasi mai praticati dalla precedente Amministrazione politica. Pd e company hanno recitato a soggetto per oltre 10 anni tanto che provando a guardare la parte sommersa dell'iceberg sono affiorati mille problemi. A parte il "cesso alla turca" o la buca davanti alla casa di qualche amico, il PD all'opposizione non sa come sopravvivere aggrappati a qualche idea sul Porto che hanno sponsorizzato per anni, ma per la quale non sono arrivati mai ad alcun risultato. Rosicano perché piacerebbe loro aver saputo comunicare con i cittadini, digrignano i denti perché la precedente Sindaca aveva deciso di lasciare sui banchi del Consiglio Comunale tutti i consiglieri eletti scegliendo per la Giunta i suoi amici fidati, per lo più teorici, che in Consiglio spesso tacitava dicendo perentoriamente: "rispondo io". Ora c'è una squadra, fatta di Consiglieri super motivati dagli impegni presi e da una Giunta infiammata dal desiderio di "strabaltare" la città, ognuno ci mette tutto l'ardore che ha dentro, fatto di visoni personali, a volte ancora da condividere in maniera formale (com' è giusto che sia), e da progetti condivisi.

Livelli di competenza diversi, modelli di comunicazione diversi, energia da vendere, per formare un caleidoscopio che trasformi la città. La trasformi da una città che non ha un soldo da spendere per comprarsi una bella livrea, in una bella creatura che dietro al grande progetto ideato da Daniele Silvetti, raggiunga unendoli in un tutt'uno la forza di una macchina comunale fatta di oltre 700 tra donne e uomini di grande valore che desiderano lavorare in modo organizzato, efficiente, sulla base di una programmazione tecnico economica, liberati dal cappuccio dell'ottusità del quale sono stati per troppi anni costretti
a vestirsi. Il nuovo corso , quello del sindaco di tutti " Daniele Silvetti", non è il progetto di un partito attento agli interessi di pochi, ma un progetto orizzontale, rivolto e determinato a trasfigurare la "grande Ancona". Questi "signori della minoranza" continuano a guardare la punta del dito, ma lasciamoli fare. A noi piace guardare alla luna".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grande Ancona, Tombolini: "Senza il Pd il progetto va avanti"
AnconaToday è in caricamento