Politica

L'Anci Marche incontra il governo: proposte per far ripartire i Comuni del terremoto

Il presidente dell'Anci Marche, Maurizio Mangialardi, ha ribadito la necessità di un testo normativo unico per affrontare la grande sfida della ricostruzione

Foto di repertorio

Emendamenti per far ripartire i Comuni colpiti dal terremoto, ma soprattuttoi la necessità di adottare un testo normativo unico per affrontare la sfida della ricostruzione. Le proposte arrivano dall’Anci Marche presentate in Commissione Lavori Pubblici del Senato. «Auspichiamo che le sollecitazioni che presentiamo consentano al governo di raccogliere le istanze e modificare il decreto Come coordinamento delle Anci regionali coinvolte nei terremoti» ha commentato il presidente Anci Maurizio Mangialardi. Diversi i punti toccati in circa 10 proposte: «Partiamo da un decreto che non parla ahimè del terremoto del Centro Italia perché il decreto riguarda il terremoto di Catania e ci agganciamo a quel provvedimento – prosegue Mangialardi- abbiamo chiesto più volte un atto specifico che riguardi questo evento calamitoso che ci faccia sperare di poter superare un anno di paralisi». 

I temi riguardano la governance e la necessità di dare operatività alla stessa cabina di coordinamento, la creazione di un testo unico quale cornice legislativa per il sisma del centro Italia ed il rafforzamento della struttura commissariale. Accanto a questo c’è il tema degli organici di personale che porti ad una dotazione straordinaria di personale tecnico ed amministrativo e prevedere una procedura che consenta la conferma del personale a tempo determinato e assicurare l’immediato turnover per il personale dei Comuni che andrà in quiescenza con “Quota 100”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Anci Marche incontra il governo: proposte per far ripartire i Comuni del terremoto

AnconaToday è in caricamento