Terremoto, Agostinelli (M5S): «Gli animali d'affezione restino con i proprietari»

« Agli assegnatari dei moduli del villaggio container è vietato tenere animali domestici di piccola, media o grossa taglia»

«La giunta comunale di Tolentino ha disposto che gli assegnatari dei moduli del villaggio container, con l'accettazione dell'assegnazione, sono tenuti al rispetto di una serie di norme di convivenza e di utilizzo della struttura. Tra le altre cose, agli stessi è fatto il divieto di “tenere animali domestici di piccola, media o grossa taglia anche in riferimento all'articolo 2 della nuova Ordinanza firmata l’11 gennaio dal capo della Protezione Civile, “Disposizioni volte a contrastare fenomeni di randagismo"». Così la Deputata Donatella Agostinelli, del Movimento 5 Stelle.

«In caso di violazione - continua l'Agostinelli - essi sono passibili di revoca della assegnazione del modulo, con l'obbligo addirittura di lasciare il villaggio container!  Infatti, nella delibera in oggetto si prevede che il Comune, al verificarsi di comportamenti che violino il regolamento approvato, provvederà a notificare loro una diffida ad astenersi dagli stessi e che dopo due diffide non rispettate, notificherà la revoca di assegnazione e l'ordine di allontanamento dal villaggio container. Il destinatario, in tal caso, dovrà trovare, autonomamente, una nuova collocazione. L’ordinanza della Protezione Civile richiamata in delibera sembra avere tutt’altra ratio! Ciò a cui sembra mirare il provvedimento della Protezione civile, infatti, è che si possa assicurare il ricovero temporaneo degli animali da affezione i cui proprietari, al momento del verificarsi degli eventi sismici, dimoravano in maniera abituale e continuativa nei territori colpiti».

«L’ordinanza prevede - conclude la Deputata del Movimento 5 Stelle - che i Comuni interessati possano stipulare convenzioni con altri Comuni o individuare strutture private, preferibilmente, nel territorio regionale”, il tutto in deroga alle norme che regolano gli appalti. Le stesse disposizioni, si legge nel provvedimento della protezione civile “si applicano anche agli animali presenti nei canili rifugio danneggiati a seguito degli eventi sismici”. L’intento  - prosegue la Deputata - è in primo luogo quello di evitare che gli animali domestici siano lasciati senza un riparo e, poi, quello di contenere il fenomeno del randagismo, non certo quello di evitare che gli animali restino con i propri padroni. Auspichiamo, pertanto, che il Comune di Tolentino riveda la decisione adottata in delibera considerando che, soprattutto per bambini e persone anziane che già hanno subito il trauma di dover lasciare forzatamente le proprie abitazioni e stravolto pertanto la quotidianità, ciò costituisce un ulteriore motivo di dispiacere. Non riteniamo giusto che essi debbano anche, immotivatamente,  essere privati del conforto degli animali d’affezione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento