Tasse: «Ma quali tariffe invariate, ecco gli aumenti»

Il consigliere Calcina si scaglia contro la giunta. «Non si fa abbastanza raccolta differenziata e per questo si paga fino a 23 euro in più a famiglia»

È scontro sui rifiuti. O meglio sulla Tari, la tariffa che ogni famiglia paga per i rifiuti. Con l’approvazione del bilancio preventivo dei giorni scorsi è arrivato anche il nuovo regolamento per il pagamento della tariffa. Il consigliere comunale di Cittadini in Comune, Loris Calcina, si è messo a fare due conti e ha scoperto che la Tari è aumentata. Ad esempio una famiglia di 3 persone in un appartamento di 80 metri quadrati andrà a pagare 313 euro, 14,22 euro in più (+4,76%) rispetto alla tariffa 2018. Oppure una famiglia di 6 persone in un appartamento di 100 metri quadrati: per loro sarà di 512 euro, oltre 23 euro in più dell’anno scorso (+4,8%). «In questi anni – attacca Calcina – la giunta ha raccontato balle rispetto al raggiungimento del 65% di raccolta differenziata. Tra addizionali da pagare per la maggiore quantità di rifiuti portati in discarica e risparmi mancati, i falconaresi pagheranno bollette che vedranno aumenti da un minimo di 10,71 €/anno ad un massimo di 23,49 €/anno. Dal 2011 i falconaresi hanno sborsato circa 750mila euro in più». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È da imputare a un diverso calcolo del totale del costo del servizio, invece, secondo l’assessore al Bilancio Raimondo Mondaini, l’aumento della Tari. «Il 65% della differenziata è stato superato a ottobre 2018 e la prospettiva 2019 è di mantenersi stabilmente al di sopra – dice – Gli aumenti, davvero contenuti, non hanno alcun legame con questo aspetto. Le tariffe sono state ricalcolate in seguito a una ricognizione dei contratti in essere con Marche Multiservizi: esaminando i vari servizi eseguiti dalla società per la gestione dei rifiuti ci si è accorti che alcune voci non erano conteggiate nel costo complessivo, per esempio la pulizia del mercato e quella della spiaggia. Riconducendo tali voci nell'ammontare del servizio di gestione dei rifiuti è stato necessario prevedere alcuni aumenti». La ricognizione, afferma Mondaini, è stata necessaria anche in vista dell'individuazione di un gestore unico che si occupi dei rifiuti a livello provinciale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

  • Contagio in aula, allarme in una scuola dell'infanzia: scatta la quarantena per i bimbi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento