Rifiuti, obiettivo differenziata non raggiunto: +486mila euro di spese per i cittadini

Due interrogazioni del Movimento 5 Stelle in consiglio comunale: «Premi ai dirigenti di Anconambiente solo se raggiungono l’obiettivo del 65%»

Bidoni al mercato del Piano

L’avere solo il 55% di raccolta differenziata anziché il 65% ha comportato ai cittadini anconetani un aumento della tassa rifiuti di 486mila euro. Spalmati su tutte le utenze e all’interno della 20ina di milioni di costo totale del servizio ma pur sempre un sovrapprezzo calcolato a 24 euro ogni tonnellata di rifiuti. È emerso nel corso del consiglio comunale di oggi quando il sindaco Valeria Mancinelli ha risposto a un paio di interrogazioni presentate dal Movimento 5 Stelle. La prima, presentata dalla capogruppo Daniela Diomedi, chiedeva lumi sulla raccolta differenziata al mercato del Piano. Il sindaco ha parlato di 6 bidoni dell'umido ma per il resto, attacca la Diomedi, «nei bidoni dell'indifferenziata finisce di tutto e, in prevalenza, carta, cartoni, plastica. Tutto in discarica. In attesa di capire se nel contratto di servizio con AnconAmbiente esista un apposito capitolo che riguarda i mercati anconetani oppure se qualcuno se ne sia dimenticato, oppure se è prevista la differenziazione ma AnconAmbiente omette di organizzarla, sappiano gli anconetani (soprattutto quelli che ancora attendono il rimborso) che dal prossimo anno troveranno un aumento della Tari dovuto all'incremento del costo del conferimento in discarica».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Punto, quest'ultimo affrontato proprio dall’interrogazione della pentastellata Lorella Schiavoni. «Dal 2012 – ha risposto la Mancinelli - il Comune di Ancona non ha mai raggiunto il 65% di raccolta differenziata anche, va detto, perché nel frattempo si è modificato per disposizione regionale il metodo di calcolo del quantitativo». Le cifre: nel 2017 la quota di indifferenziata è stata di oltre 23mila tonnellate, il 10% in meno rispetto a 5 anni fa ma sempre sotto la quota del 65%. «I cittadini di Ancona – ha replicato la Schiavoni - pagano una delle tasse più alte d’Italia e stanno ancora aspettando il rimborso per le pertinenze. Occorre coinvolgerli tutti per promuovere la differenziazione dei rifiuti ma va anche detto che Anconambiente ha una governace errata: i premi ai dirigenti dovrebbero essere legati al raggiungimento di questi obiettivi, anziché perseguire la logica privatistica degli utili».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento