Tariffe scuola, blitz dei genitori in Consiglio: 2mila firme contro gli aumenti

Con questa raccolta firme, i genitori della petizione chiedono ufficialmente alla giunta di il blocco immediato dell'aumento tariffario per nidi, scuole dell'infanzia e primarie, presentato pochi giorni fa

Il Consiglio Comunale Ancona

Una petizione per protestare contro l’aumento delle tariffe del servizio di trasporto scolastico comunale. E così stamattina una rappresentanza dei genitori di molte scuole d’infanzia, primarie e nidi, si si è presentata durante la sessione di Consiglio comunale per consegnare la raccolta firme al consigliere comunale Stefano Crispiani (Sel-Abc) che, per conto di tutte le opposizioni, ha l’ha sua volta consegnata all’assessore al bilancio Fabio Fiorillo.

In tutto circa 2mila firme di genitori che protestano contro l’aumento delle quote contributive a cui, come si legge in una nota diffusa dalle opposizioni in consiglio, “non corrisponde un miglioramento della qualità del servizio”. Infatti “la delibera è stata adottata dal Comune in totale dispregio dello spirito a favore del cittadino che dovrebbe muovere il fine istituzionale della pubblica amministrazione. In questo momento di forte crisi economica, l’Amministrazione comunale invece di sostenere le famiglie, scarica gran parte del costo del servizio in capo alle stesse, cercando di risanare i conti dello stesso sulle spalle dei cittadini”. In questo senso i genitori della petizione chiedono ufficialmente all giunta di il blocco immediato dell’aumento tariffario, presentato dal comune pochi giorni fa.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

  • Coronavirus, screening di massa con tampone antigenico rapido nelle Marche

  • Emergenza Covid, Acquaroli preoccupato: «Rischiamo crisi economica impressionante»

Torna su
AnconaToday è in caricamento