Strage di Corinaldo, Mastrovincenzo: «L'8 dicembre sia giornata nazionale»

Già lo scorso 8 dicembre 2019, il ministro aveva fatto pervenire un messaggio di solidarietà esprimendo la volontà di rendere possibile questa iniziativa

Antonio Mastrovincenzo con il ministro Lamorgese

«Ho annunciato al ministro, incontrando il suo pieno consenso, che prima del termine della legislatura sarà predisposta una proposta di legge regionale ed una da sottoporre all'attenzione del Parlamento per istituire la giornata della sicurezza dei giovani nei locali pubblici, da celebrare l'8 dicembre».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo ha detto il presidente del consiglio regionale delle Marche Antonio Mastrovincenzo che, questa mattina in Prefettura ad Ancona, ha partecipato all'incontro tra il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese ed i familiari delle vittime della tragedia di Corinaldo. Già lo scorso 8 dicembre 2019, in occasione del convegno organizzato per il primo anniversario della tragedia, il ministro aveva fatto pervenire un messaggio di solidarietà esprimendo la volontà di rendere possibile questa iniziativa. «Dopo il presidente della Repubblica anche il ministro dell'Interno incontra i familiari delle vittime di Corinaldo- continua Mastrovincenzo-. La vicinanza delle istituzioni al massimo livello rafforza l'azione di sensibilizzazione e prevenzione che stiamo mettendo in atto attraverso molteplici iniziative. Il nostro intende essere un messaggio chiaro ed inequivocabile sulla strada che vogliamo percorrere affinché quanto accaduto non si debba più ripetere». Una volontà che per Mastrovincenzo «trova sostanza nella costituzione di parte civile, da parte di Regione Marche e Garante dei diritti, nel processo a carico dei sei ragazzi accusati di essere i responsabili della strage, nei provvedimenti approvati dal consiglio regionale in tema di partecipazione dei giovani e di contrasto a forme di violenza, nel Codice etico per i locali pubblici e nella collaborazione alle iniziative realizzate dal Cogeu».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento