Giudizio immediato per la banda dello spray, 5 Stelle: «Plauso alla procura di Ancona»

Così il deputato del Movimento 5 Stelle Martina Parisse interviene sulla richiesta della procura di Ancona di giudizio immediato per i sei componenti modenesi della banda dello spray

Carabinieri alla Lanterna Azzurra di Corinaldo

«Una tragedia che ha colpito al cuore non solo le famiglie coinvolte, ma tutti gli italiani. Un plauso ai carabinieri del nucleo investigativo di Ancona che hanno condotto le indagini, che hanno portato all'arresto, ad agosto di sette persone e alla procura di Ancona che, ad un anno dalla strage, ha chiesto il giudizio per i responsabili, tutti ragazzi giovanissimi».

Così il deputato del Movimento 5 Stelle Martina Parisse interviene sulla richiesta della procura di Ancona di giudizio immediato per i sei componenti modenesi della banda dello spray, accusati di aver causato, la notte dell'8 dicembre 2018, presso la discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo, la morte di Asia Nasoni, Daniele Pongetti, Benedetta Vitali, Mattia Orlandi, Emma Fabini e della mamma Eleonora Girolimini. Nei giorni scorsi il ricettatore a cui si era rivolto il gruppo, il commerciante 65enne di Castelfranco, ha patteggiato con il gip di Ancona una condanna a 4 anni e due mesi di reclusione e una multa di 2.000 euro per associazione per delinquere e ricettazione continuata.

«Le indagini coordinate dalla stessa Procura avrebbero fornito chiari indizi di responsabilità nei confronti degli indagati – continua l'onorevole jesina. Sapere che a causare tanto dolore e la morte di adolescenti di 14, 15 e 16 anni siano stati altri giovani poco più che ventenni deve portare tutti ad una profonda riflessione. A distanza di un anno dalla terribile tragedia esprimo ancora una volta la mia vicinanza alle famiglie coinvolte, consapevole che nessuno mai potrà comunque alleviare un dolore così grande».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Cocaina trovata dentro l'affettatrice, arrivano i sigilli: chiuso il bar della Baraccola

Torna su
AnconaToday è in caricamento