Politica

Autovelox, Tombolini (60100): "Risorsa per crescita sociale e qualità infrastrutturale"

E' stata presentata dal consigiere Stefano Tombolini, una interrogazione in merito all'utilità degli autovelox considerati "risorsa per produrre qualità infrastrutturale e cresciata sociale". Questo il comunicato

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Le contravvenzioni al codice della strada elevate dal Corpo della Polizia Municipale di Ancona ammontano complessivamente a 2.000.000€, come risulta dalla Delibera della G.M. n.162/2014.
Nel complesso gli importi delle multe risultano essere 2.510.000€, di cui:
2.000.000€ contravvenzioni elevate dalla Polizia Municale;
500.000€ contravvenzioni elevate dagli Ausiliari del Trafficio di M&P;
10.000€ contravvenzioni elevate dal Personale di Conerobus.
Dunque la considerevole quota del 35% delle contravvenzioni deriva dall’attività di n.4 autovelox che, oltre ad essere dissuasori  molto efficienti rispetto al superamento dei limiti di velocità, producono notevoli volumi di incasso.

Mediamente il costo di acquisto e di installazione di un dispositivo automatico per il rilevamento della velocità ammonta a 30.000€ e produce oltre 150.000€ di incassi da contravvenzioni con un aumento della sicurezza stradale ed una riduzione della velocità di transito autoveicolare nel tessuto urbano.
Quanto precede se coniugato alla constatazione di una città con un manto stradale cronicamente deteriorato e nell’ottica di un alleggerimento dei compiti di controllo del traffico a carico della Polizia Municipale darebbe la possibilità di impiegare diversamente risorse umane preziose in altri impieghi più importanti per la città e che non possono essere “meccanizzati”; questo ragionamento mi porta a sollecitare l’Amministrazione Comunale circa l’opportunità di investire in questo senso per il controllo del traffico.

I soldi La citata delibera G.M. n.162/2014 di “destinazione dei proventi contravvenzionali “ indica che:
- 313.750€ saranno impiegati nel corrente anno per la “sostituzione, l’ammodernamento e la manutenzione della segnaletica stradale” di cui 150.000€ per la manutenzione della segnaletica stradale e 197.762€ per la manutenzione degli impianti semaforici;
- 343.357€ serviranno per il “potenziamento delle attività di controllo e l’accertamento delle violazioni“ suddivisi in 34.000€ per la meccanizzazione delle contravvenzioni, 109.300€ per l’acquisto delle attrezzature per la Polizia Municipale e ben 112.820€ per la vigilanza davanti alle scuole;
- 1.316.582€ dovrebbero essere suddivisi in 370.000€ per “manutenzione delle strade Comunali”  e 946.582€ per “manutenzione impianti di pubblica illuminazione”.
L’art.208 del Codice della Strada dispone al punto 4,  che almeno il 50% dei proventi deve essere destinato al  potenziamento, per la messa  a  norma  e  alla  manutenzione  delle  barriere  e  alla sistemazione del manto stradale delle medesime strade, alla redazione dei piani di cui all'articolo  36 (Redazione Piani Urbani del Traffico),  a  interventi  per  la  sicurezza stradale a  tutela  degli  utenti  deboli,  quali  bambini,  anziani, disabili, pedoni e ciclisti, allo svolgimento, da parte degli  organi di polizia locale, nelle scuole di ogni  ordine  e  grado,  di  corsi didattici finalizzati all'educazione stradale, a misure di assistenza e di previdenza per il personale di cui alle lettere d-bis) ed e) del comma 1 dell'articolo 12, alle misure  di  cui  al  comma  5-bis  del presente articolo e a interventi a favore della mobilità ciclistica. 

Concludiamo sottolineando che il 10% degli importi contravvenzionali, pari a 250.000€, è impegnato per le spese di notifica a carico dei trasgressori che, ragionando in termini di “identità digitale” dei cittadini, potrebbero essere sensibilmente ridotte recuperando risorse per altri finalità.

DATI RELATIVI AGLI AUTOVELOX :
1)TOTALE IN PROPRIETA’ DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE             N.5
POSTAZIONI FISSE                                N.5

2)NUMERO DEI DISPOSITIVI  IN MANUTENZIONE (AL MOMENTO FERMI)        N.1
UN DISPOSIVITO A  ROTAZIONE -  DUNQUE UNA STAZIONE DI RILEVAMENTO NON è PROVVISTA DEL RILEVATORE.

3)IMPORTI CONTRAVVENZIONALI ELEVATI NEL 2013 CON I DISPOSITIVI AUTOVELOX . 590.000 DI CUI DA RISCUOTERE 190.000 EURO
COSTI DI MANUTENZIONE ANNUI CIRCA 6.000 EURO.

Consigliere Comunale
Stefano Tombolini – 60100 Ancona

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autovelox, Tombolini (60100): "Risorsa per crescita sociale e qualità infrastrutturale"

AnconaToday è in caricamento