Politica

Sport, Acquaroli: «Sulla presenza del pubblico serve interpretazione chiara»

La Regione Marche è impegnata anche sul fronte del massimo numero consentito di presenze di pubblico agli eventi sportivi che si tengono fuori e dentro gli impianti

ANCONA - «Non possono essere penalizzate le società marchigiane che fanno campionati professionistici rispetto a quelle delle altre regioni». La Regione Marche è impegnata anche sul fronte del massimo numero consentito di presenze di pubblico agli eventi sportivi che si tengono fuori e dentro gli impianti. Il governatore Francesco Acquaroli ha parlato anche di questo aspetto con gli altri presidenti di Regione nel confronto di oggi pomeriggio.

«L'obiettivo è garantire omogeneità in tutto il territorio nazionale ma c'è un problema di interpretazione- conclude Acquaroli- Io credo che il Dpcm farà chiarezza. La normativa, che prevede 200 spettatori al chiuso e 1.000 all'aperto, varrebbe solo per un evento straordinario e non dunque per un campionato. Ma questa interpretazione va risolta nelle sedi opportune».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sport, Acquaroli: «Sulla presenza del pubblico serve interpretazione chiara»

AnconaToday è in caricamento