Sabato, 19 Giugno 2021
Politica

Spese pazze della Regione, i pm ascoltano Paolo Eusebi: «Sono sereno»

Oggi è toccato all'anconetano Paolo Eusebi, accusato di aver usato la carta di credito della regione per pagare una serie di spese personali. Ma lui è sereno perché dice di poter spiegare tutto e ha prodotto una memoria difensiva

Paolo Eusebi e Andrea Nobili

Proseguono gli interrogatori della Guardia di Finanza e dei pm Giovanna Lebboroni e Ruggero Di Cuonzo nei confronti degli indagati nell’ambito dell’inchiesta sulle spese pazze delle Regione Marche, E oggi è toccato all’anconetano Paolo Eusebi, accusato di aver usato la carta di credito della regione per pagare bottiglie di vino, cene nei fast food e un pacchetto di sigarette. Lui si dice sereno e oggi ha avuto modo di chiarire la sua posizione con gli inquirenti: «Appena mi sono accorto di aver speso quelle 4,40 euro, le ho restituite e io sono sereno come sempre» ha detto Paolo Eusebi all’uscita dal tribunale, accompagnato dal suo avvocato Andrea Nobili. Proprio il legale ha poi spiegato: «Abbiamo prodotto una memoria difensiva e abbiamo chiarito che siamo a disposizione della magistratura per ulteriori approfondimenti ove fossero necessari». 

Insomma secondo la difesa Eusebi ha speso solo poche decine di euro utilizzando soldi pubblici e la questione si giocherebbe su due punti: «In primis, fino alla fine del 2012 la prassi non richiedeva particolari giustificazioni quando poi è cambiato il quadro normativo di riferimento. In secundis c’è difficoltà a far capire che si tratta di tutta una serie di spese che comunque sono riconducibili ad attività comunque legate al ruolo di consigliere regionale» ha precisato l’avvocato Nobili. E molte delle presunte “spese pazze” non sarebbero tali perché, come ha detto lo stesso Eusebi, «due rifornimenti di benzina in un giorno di trasferta a Roma, uno all'andata e uno al ritorno, non possono essere considerate anomalie».

Ma Paolo Eusebi non solo deve rispondere delle sue spese personali, ma anche delle spese dei consiglieri e funzionari legati all gruppo Italia dei Valori. Dunque anche di Andrea Filippini, difeso dall’avvocato Laura Versace, su cui non ha dubbi: «Ha fatto un lavoro enorme ed egregio per il gruppo. Abbiamo dato tutte le indicazione per individuare il tipo di rapporto con il collaboratore».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spese pazze della Regione, i pm ascoltano Paolo Eusebi: «Sono sereno»

AnconaToday è in caricamento