Inferno A14, Carrabs (Verdi): «Bisogna sospendere i pedaggi»

«Come fa il gestore a chiedere un pedaggio per un servizio inesistente? I tempi di percorrenza sono assurdi: più che un servizio, un disservizio» ha detto Carrabs

Foto di repertorio

Ancora code chilometriche sull’autostrada A14 nel weekend prima di Natale a causa dei restringimenti di carreggiata conseguenti al sequestro dei viadotti.

«E’ una cosa scandalosa impiegare quasi 5 ore per arrivare da Fano a San Benedetto del Tronto e richiedere poi serenamente, come se nulla fosse, il pedaggio autostradale. In base a cosa? A quale tipo di servizio erogato?». Queste le parole di Gianluca Carrabs, coordinatore dei Verdi a commento del fatto. «Capisco la necessità di chiudere i ponti e condivido a pieno l’operato dell’autorità giudiziaria visto che sicurezza e giustiziai devo essere sempre messe al primo posto, ma ritengo assurdo, alla luce dei tempi di percorrenza decisamente imbarazzanti, richiedere del denaro a cittadini, lavoratori e imprese che percorrono il tratto autostradale. Chiederò immediatamente, tramite il consigliere dei Verdi Sandro Bisonni – continua Carrabs - una mozione in Consiglio regionale affinché la Regione prenda una posizione dura nei confronti del gestore e si impegni a rendere gratuito il transito nei caselli fino a quando i tempi di percorrenza non rientreranno in un lasso di tempo ragionevole ed atto a ripristinare la sicurezza dei tracciati».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico frontale, gravissimo il bimbo di 5 anni: è in coma al Salesi

  • Giovane si toglie la vita lanciandosi contro un treno, disagi sulla tratta ferroviaria

  • Non c'è pace per il ristorante più chic della città: Il Passetto spegne di nuovo le luci

  • Terribile frontale, nuovo bollettino: «Il bambino è ancora in condizioni critiche»

  • Terribile schianto fra due auto, tre feriti: gravissimi una mamma e il suo bambino

  • Terribile frontale, nuovo bollettino medico: «Bambino in condizioni critiche»

Torna su
AnconaToday è in caricamento