Politica

Housing sociale: sopralluogo Comune e Cassa Depositi e prestiti

La Cassa Depositi e prestiti ha offerto la disponibilità a studiare interventi finanziari sul patrimonio edilizio cittadino invenduto che potrebbe portare a un progetto di edilizia a canone concordato

Dopo la riunione dello scorse settimane con la Cassa Depositi e Prestiti nella sede di Roma, in cui l’assessore al Patrimonio e ai Lavori pubblici Maurizio Urbinati aveva dato avvio a un percorso di collaborazione sulla questione dell’housing sociale, questa mattina si è svolto ad Ancona  un incontro-sopralluogo tra lo stesso assessore Urbinati e Paola Delmonte, responsabile Gestione e Sviluppo della Cassa Depositi e Prestiti Investimenti.

All’incontro erano presenti anche i presidente e il direttore del Collegio Costruttori Cesare Davanzali e Alessia Del Mastro, il dirigente regionale al ramo Massimiliano Marchesini e Vittorio Salmoni responsabile del gruppo di lavoro , al quale partecipa anche l’assessore Urbinati, organizzato dal Collegio costruttori all’Istao per reperire soluzioni alla richiesta di abitazioni per quella fascia di popolazione che non riesce a far fronte all’affitto a prezzi di mercato ma non può neppure rientrare nella graduatoria delle case popolari.

La Cassa Depositi e prestiti ha offerto a sua volta la sua disponibilità a studiare la fattibilità di interventi finanziari sul patrimonio edilizio cittadino invenduto che, in sinergia con tutti gli enti e agli operatori privati, potrebbe portare insieme al Comune di Ancona a un progetto di edilizia a canone concordato di housing sociale anche con iniziative di co-housing.

“Stiamo lavorando a questa operazione da tempo – afferma l’assessore Urbinati - e oggi abbiamo fatto un passo avanti. Con questo intervento si riuscirebbe a sostenere economicamente l’imprenditoria legata all’edilizia e insieme a offrire una risposta molto concreta alla cosiddetta fascia grigia di popolazione per la quale la casa è un bene primario sempre in bilico tra leggi di mercato e assistenza. Naturalmente questo rappresenta solo una parte della soluzione del problema casa, che stiamo affrontando nella sua complessità anche con iniziative di altro tipo, come ad esempio il nuovo regolamento dell’assegnazione degli alloggi popolari che sarà portato al vaglio del Consiglio comunale lunedì 3 febbraio”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Housing sociale: sopralluogo Comune e Cassa Depositi e prestiti

AnconaToday è in caricamento