Politica: Gramillano al 35mo posto fra i sindaci “più apprezzati” d'Italia

Sondaggio Monitorcittà: fra i sindaci più amati d'Italia (più del 55% di gradimento personale) Fiorello Gramillano è 35mo. Il suo apprezzamento personale è aumentato del 2,3% nel secondo semestre del 2011

Nella foto: il sindaco di Ancona Fiorello Gramillano

Nella classifica dei “sindaci più amati d’Italia”, stilata per la sedicesima volta per l’indagine Monitorcittà  dell’istituto di ricerca Datamonitor, il sindaco di Ancona Fiorello Gramillano si piazza 31esimo sui 47 più apprezzati del paese, con un gradimento personale che è cresciuto di 2,3 punti dal primo al secondo semestre del 2011, arrivando a 57,3%. Il primo cittadino anconetano è secondo in classifica rispetto all’unico altro sindaco marchigiano preso in considerazione: Luca Ceriscioli, sindaco di Pesaro, è infatti al 22mo posto con uno share personale del 58,2% (cresciuto però sollo dello 0,4%).
Monitorcittà è il sondaggio semestrale che mette in classifica i sindaci dei capoluoghi di Provincia al di sopra del 55% di gradimento sull’operato, calcolato sulla base di un giudizio espresso dai cittadini. Sui 110 comuni capoluogo monitorati sono 47 i sindaci che entrano nella “top 55%”, mentre erano 48 nella precedente edizione.

Al primo posto della classifica Luigi De Magistris (Napoli, IDV) con  il 69, 8% di gradimento, mentre mantiene la seconda posizione Flavio Tosi (Verona, Lega Nord), con 66,1%.
L’ultimo della classe di eccellenza è invece Vito Santarsiero (Potenza, PD), che entra in graduatoria con un 55,2%.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento