Smog e caos viabilità, ecco i problemi di via Torresi

Il Comitato spontaneo di cittadini di via Torresi e Seppilli intende portare all’attenzione della cittadinanza e delle Istituzioni il peggioramento della condizioni

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Il Comitato spontaneo di cittadini di via Torresi e Seppilli intende portare all’attenzione della cittadinanza e delle Istituzioni il peggioramento della condizioni della viabilità di via Torresi, soprattutto nel tratto via della Montagnola e piazza Ugo Bassi. Al semaforo, come noto, le auto sono sempre ferme in divieto di sosta, restringendo la carreggiata ad una sola corsia e costituendo di fatto un imbuto che causa code a monte di via Torresi. Inoltre i camion, a causa dei loro spazi carico/scarico occupati, sono costretti a sostare inmezzo alla carreggiata e questo ha probabilmente causato il terribile scarrucolamento delle aste dei filobus giorni fa con il trancio netto della linea filoviaria che, solo fortunatamente, non ha causato danni alle persone. La situazione dello smog è preoccupante così come l’assenza dei Vigili Urbani. Inoltre i marciapiedi lato scuole Domenico Savio sono in gran parte rialzati per via delle radici degli alberi e urgono lavori (non tagliando gli alberi, che sono un bene assoluto per la via) ma di ripristino dell’integrità dei marciapiedi. Inoltre il Comitato sarebbe interessato a conoscere i tempi di restituzione della parte ancora chiusa della suddetta scuola, ormai da troppi anni in condizione di degrado.

Altro segno della dimenticanza di attenzione al quartiere è la mancanza di un’adeguata illuminazione di via della Montagnola che scoraggia il percorrere la via dopo il tramonto sia per le zone d’ombra che per la presenza di persone di aspetto poco rassicuranti. Per finire si sollecita l’Amministrazione a rimuovere il cartello stradale di ristringimento della carreggiata posizionato un decennio da quando esistevano palizzate di contenimento delle mura in pericolo cadute, situazione risolta grazie alla pressione sull’amministrazione di Daniele Ballanti che diede inizio con una partecipatissima petizione popolare all’iter seguendolo fino alla conclusione e tutto il Comitato, con la preziosa collaborazione di Letizia Perticaroli e di tutto staff di Alleanza per l’Italia. Tutti insieme trovarono nella Giunta Gramillano un interlocutore attento e attuativo di decisioni per ripristinare l’integrità della mura e la sicurezza della strada. Ora il palo con il restringimento non più esistente da 4 anni l’attuale amministrazione potrebbe anche rimuoverla.

Daniele Ballanti e Daniela Urbani - Comitato di cittadini di via Torresi e Seppilli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento