rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Politica

Lotta alla microcriminalità urbana: «Serve una polizia locale forte ed efficiente»

Le parole sono del consigliere regionale del PD Fabrizio Cesetti che si è espresso sul tema della sicurezza e non solo

Una polizia locale più efficiente grazie a una maggiore collaborazione istituzionale tra i vari enti e, soprattutto, alla formazione di personale altamente specializzato. È questa la “rivoluzione” che il consigliere regionale del Partito Democratico Fabrizio Cesetti vuole portare all’interno dei corpi di polizia locale delle Marche con una proposta di legge, sottoscritta dal gruppo Pd, volta a innovare quella del 17 febbraio 2014:

«Le istituzioni – afferma Cesetti – devono guardare alle donne e agli uomini della Polizia locale come a risorse strategiche e indispensabili per garantire quotidianamente la sicurezza e la legalità nelle nostre città, che non sono privilegi, ma diritti e doveri appartenenti a ogni cittadino. Anche per consolidare la coesione sociale, dunque, è necessario potenziare e qualificare ulteriormente la professionalità di questo personale, costantemente in prima linea nella prevenzione dei fenomeni di microcriminalità urbana e nel contrasto ai reati che vengono commessi in ambito sociale, amministrativo, stradale e ambientale. Ma per raggiungere questo scopo serve che la legislazione regionale faccia un passo avanti. In tal senso, la proposta di legge che ho presentato e che sarà presto discussa dalla I commissione, prevede sostanziali modifiche al testo in vigore. Fulcro centrale della proposta è la previsione del corso-concorso unico regionale per l’accesso alle figure professionali della Polizia locale. Si prevede un percorso formativo a cui i candidati verranno ammessi, previa selezione, e che si concluderà con un esame finale abbinato alla valutazione dei titoli e di ulteriori prove di abilità volte ad accertare l’idoneità allo svolgimento di specifiche mansioni».

«Ritengo necessaria – spiega il consigliere dem - questa centralizzazione delle procedure di accesso al ruolo per reclutare personale altamente qualificato e, allo stesso tempo, assicurare alle amministrazioni locali un significativo risparmio di tempi e risorse, realizzando economie di scala attraverso la concentrazione delle stesse procedure concorsuali. Ciò permetterà anche di ridurre i tempi per la copertura dei posti vacanti e soddisfare le esigenze temporanee dei Comuni che necessitano di personale a tempo determinato mediante la possibilità di attingere alla graduatoria. Inoltre, con la revisione della legge che propongo, sarà possibile offrire ai candidati opportunità d’impiego più ampie tramite la partecipazione a un’unica selezione. Un’ulteriore innovazione – conclude Cesetti – è la previsione di forme di coordinamento in materia di sicurezza pubblica e polizia amministrativa mediante la promozione di protocolli con lo Stato e attraverso il sostegno ad accordi tra le autorità provinciali di pubblica sicurezza e gli enti locali. Infine, si prevede l’istituzione di un fondo per il finanziamento degli oneri di difesa nei procedimenti a carico degli addetti di Polizia locale. Questa proposta di legge è ovviamente aperta all’auspicabile contributo di tutte le forze politiche e, soprattutto, al personale di Polizia locale, di cui si chiederà l’audizione in commissione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta alla microcriminalità urbana: «Serve una polizia locale forte ed efficiente»

AnconaToday è in caricamento