Piazza d’Armi, Berardinelli (FI): «Presto sgomberi forzati di attività commerciali» 

Nel corso dei prossimi mesi saranno costretti a lasciare liberi i locali occupati da anni alcuni negozi, alimentari ma non solo, in vista della vendita decisa dall'amministrazione comunale

foto di repertorio

«In un momento di forte crisi economica e occupazionale con l'ultima brutta sorpresa per la città dell'ennesima chiusura di una storica apprezzata attività, questa volta nel settore alberghiero, desta sorpresa e preoccupazione la notizia dello sgombero forzato di alcune attività commerciali in Piazza d'Armi. Nel corso dei prossimi mesi infatti, saranno costretti a lasciare liberi i locali occupati da anni alcuni negozi, alimentari ma non solo, ubicati su terreno comunale, in vista della vendita decisa dall'amministrazione comunale». Lo afferma tramite una nota il consigliere comunale Forza Italia, Daniele Berardinelli.

«Queste attività hanno investito centinaia di migliaia di euro nel corso degli anni e non avrebbero diritto né ad alcuna indennità, né ad alcuna prelazione o opzione sulla vendita futura, e saranno inevitabilmente costrette a chiudere anche perché i locali vanno lasciati liberi molti mesi prima della vendita con relativa edificazione di una nuova struttura. Sembra innanzitutto evidente con la chiusura delle imprese commerciali, la perdita immediata di decine di posti di lavoro, ma verrà anche a mancare un servizio importante per i cittadini- prosegue Berardinelli- mentre d'altra parte arriverà un "aiuto" insperato per gli esercizi commerciali, ad esempio alimentari, delle zone limitrofe».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il primo provvedimento di sgombero, denuncia Berardinelli, è previsto tra meno di due mesi: «Confidiamo in un accordo che possa evitare questo passaggio doloroso e che contemperi le esigenze dell'amministrazione comunale di valorizzazione del suo patrimonio, gestito malissimo negli anni, con le giuste considerazioni degli attuali gestori commerciali a tutela anche delle famiglie che ci lavorano». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali, il nuovo presidente della Regione è Francesco Acquaroli - LA DIRETTA

  • Si schianta con un'auto, camper si ribalta: un ferito è gravissimo

  • «Non faccio sesso da 2 anni», donna lo urla ed arrivano decine di persone

  • «Con quella mascherina nera non può votare»: avvocatessa respinta dal seggio

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento