Daniele Ballanti, Api Ancona
Politica

Settimana europea mobilità, Api: “Le nostre proposte disattese”

Ballanti: "Alla vigilia della Mobility Week assistiamo ad un nuovo taglio del trasporto pubblico: la linea 22 viene dimezzata del 50%, mentre la linea 92 viene soppressa totalmente"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Il 1 agosto è stato presentata all’Amministrazione (Sindaco e assessori alla Mobilità e al Trasporto Pubblico, all'Ambiente, ai Lavori Pubblici, al Bilancio), un elenco di proposte in merito alla Settimana europea della mobilità (16/22 settembre 2012), evento in cui le città europee fanno a gara per mettere in pratica le migliori iniziative. Ancona non brilla e viene sorpassata anche da Rimini e Pesaro (come spesso accade in molti settori purtroppo..).

Elenco delle proposte consegnate nella mani dell’assessore Ferretti:

1.    mezzi pubblici gratuiti per i giorni dell’iniziativa (o almeno in parte di essi);
2.    i filobus, in assoluto i mezzi più ecologici in ambito urbano, tornino finalmente in circolazione da quella settimana in poi in modo permanente, e circolino anche nei giorni festivi. A tale scopo occorre ripristinare, con una spesa irrisoria, la corsia filobus in piazza Ugo Bassi dissestata da febbraio e che causa la non più giustificabile interruzione della linea filoviaria;
3.    realizzazione di una corsia preferenziale per bus in via Martiri della Resistenza per aumentare la velocità dei collegamenti;
4.    creazione di punti di ricarica nella città per auto e scooter elettrici per incentivarne l’uso;
5.    ripristino e incentivazione all’uso delle biciclette elettriche nei parcheggi comunale coperti, andate misteriosamente in disuso;
6.    sensibilizzazione della popolazione all’uso dello car-sharing e car-pooling ;
7.    sensibilizzazione della popolazione all’uso di una mobilità più responsabile con misure occasionali e permanenti.

Alla richiesta di ripristinare la corsia filobus di piazza U.Bassi entro settembre, gli assessori Giaccaglia e Ferretti mi hanno risposto che nel piano previsto degli interventi ciò non era previsto a causa della mancanza dei "soldi". Non ho potuto far altro che sottolineare come sarebbe stato scandaloso non fare questa opera di manutenzione per consentire il ripristino del servizio filoviario; gli Assessori di conseguenza si sono impegnati a cercare adeguata soluzione. Alla fine dopo il mio incessante interessamento e pressione, non solo sugli assessori, ma su altri segretari di partito, uffici comunali, ecc.. sono stati trovati i fondi, i lavori sono partiti e i filobus torneranno in circolazione. Ho ringraziato pertanto, anche pubblicamente, l’impegno degli amministratori. Tuttavia, non ricevendo risposta da nessuno su quale delle proposte che avevo avanzato fossero state accettate, ho aspettato la conferenza stampa di presentazione sulle iniziative dell’Amministrazione, avvenuta ieri: i dettagli sono elencati in seguito.

Le iniziative presentate ieri dall’Amministrazione sono:

1. pedalata da mare a mare (Passetto - piazza Cavour)
2. Ortobus in circolazione (realizzato da Ancona in Transizione, omesso)
3. Piedibus in tutte le scuole per un giorno (realizzato da Naomi Ottaviani e suoi collaboratori, omesso)
4. ripristino dei filobus (ottenuto grazie al pressante impegno di Daniele Ballanti in prima persona, omesso)
5. due corse gratuite per la preferenzialità semaforica
6. biciclette a pedalata assistita e due auto elettriche a disposizione turisti e cittadini
7. "nuova" linea 11 (in realtà è una semplice modifica poco influente, attendiamo i dati, sono pronto a ricredermi)
8. convegno "Trasportiamoci" - progetto Attac (aderire a progetti itineranti in Europa non serve a nulla se si continua a diminuite i bus in circolazione!!)
9. zone 30, a circolazione e laboratori officine per il riuso dei materiali e la manutenzione delle biciclette (bici con contributo della Ciclofficina, omesso)
 
Escluso il ripristino del servizio filoviario non sembra ci sia nulla di quanto è stato chiesto, di veramente utile e di carattere permanente (corsie preferenziali per bus, colonnine di ricarica elettrica per auto e scooter, ripristino e incentivazione all’uso delle biciclette elettriche nei parcheggi comunale coperti, sensibilizzazione della popolazione all’uso dello car-sharing e car-pooling, bus gratuiti almeno in alcune fasce orarie della settimana). Il carattere permanente, chiesto dall’UE, significa realizzare interventi che rimangono. Purtroppo non è la prima volta che molte proposte non sono state accolte.

C’è anche da sottolineare che alla vigilia della Mobility Week, assisteremo ad un nuovo taglio del trasporto pubblico: la linea 22 viene dimezzata del 50%, la linea 92 viene soppressa totalmente. Ecco perché non servono vetrine e passerelle ma interventi veri, sentiti e che vadano in direzione di una mobilità più sostenibile ed impegno vero per un trasporto pubblico funzionale agli obiettivi della Settimana Europea della Mobilità sostenibile!

Daniele Ballanti, Api Ancona


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Settimana europea mobilità, Api: “Le nostre proposte disattese”

AnconaToday è in caricamento