Sigilli al centro sociale, Rubini: «In campo per la riapertura»

Il capogruppo di Altra Idea di Città esprime solidarietà ad Asilo Politico e promette una battaglia politica per la sua riapertura

Francesco Rubini, capogruppo di Aic

Promette battaglia Altra Idea di Città sul caso dello centro sociale Asilo Politico, sequestrato dalla polizia municipale nei giorni scorsi con tanto di denunce, a carico di ignoti, per apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo e occupazione abusiva di edifici. «Puzza molto di azione politica mascherata legata a doppio filo con il decreto sicurezza Salvini» attacca Francesco Rubini, capogruppo in consiglio comunale di Aic. «Negli 8 anni di occupazione, seguiti anche da momenti di confronto con le istituzioni locali, Asilo Politico ha sempre divulgato messaggi di aggregazione, tolleranza e solidarietà all'interno di un luogo per molti anni abbandonato e lasciato marcire dalla autorità pubbliche - si legge in una nota - Un luogo all’interno del quale si sono costruiti percorsi di ogni genere, a partire dalla lotta per il diritto all’abitare, nello specifico con l’esperienza di Casa de Nialtri, dalle battaglie ambientali con il movimento Trivelle Zero che ha assunto caratteri regionali, fino alle lotte per i diritti civili con la nascita del collettivo femminista Nate Intere».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo Aic «Asilo politico ha da sempre avuto un ruolo chiave in città, sia per i tanti attivisti sociali che per i tanti che lo hanno anche solo frequentato per una serata in musica. Un luogo per la città e della città. Altra idea di città dunque ha sostenuto e continua a sostenere queste pratiche di rigenerazione urbana a fini collettivi e sociali capaci di apportare un beneficio alla cittadinanza tutta in controtendenza alla logica fallimentare delle privatizzazioni e della svendita del patrimonio pubblico. Quello che ci sentiamo di dire è che saremo sempre al fianco di chi lotta per una società migliore e con questo rivolgiamo un appello al Comune di Ancona ed alle istituzioni tutte affinchè trovino al più presto uno spazio degno per far proseguire le attività al collettivo Asilo Politico».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

  • Contagio in aula, allarme in una scuola dell'infanzia: scatta la quarantena per i bimbi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento