Multiservizi, Sel: “Trasformiamola in un’azienda pubblica speciale”

Crispiani: "Per il servizio idrico va rispettato il referendum del 2011. Il servizio integrato dell'acqua non va più affidato ad un privato ma ad un'attività consortile. Basta con gli escamotage altrimenti viene meno la democrazia"

Stefano Crispiani

Il prossimo 11 novembre, sarà affrontata in consiglio comunale la spinosa faccenda riguardante la Multiservizi. Sel chiede a gran voce la trasformazione dell'azienda da spa ad azienda pubblica speciale. Nei giorni scorsi il consigliere PD, Tommaso Fagioli, ha consegnato una mozione che confermerebbe la gestione dell'acqua in mano ad una spa, seppur a totale capitale pubblico. Tutto ciò, a parere del gruppo consiliare Sel, non rispetta l'esito referendario dello scorso 2011, che ha invece legiferato l'acqua come bene comune.

“Per il servizio idrico va rispettato il referendum del 2011. Il servizio integrato dell'acqua non va più affidato ad un privato ma ad un'attività consortile. Basta con gli escamotage altrimenti viene meno la democrazia. Al referendum del 2011 avevano votato 27 milioni di italiani- commenta Stefano Crispiani, leader di Sel-. È inaccettabile che chi legifera dal consenso popolare, lo spenda per evitare di dare applicazione a quel che il corpo elettorale ha stabilito”.

Secondo Sel, tutte le attività che si fanno per mantenere in mano pubblica i servizi essenziali, sono lodevoli. Il processo di aggregazione di Multiservizi con altri soggetti è ancora da valutare in modo positivo ma il discorso cambia se si parla di "multiutility".

“Prima è necessario aggregare i soggetti pubblici dello stesso settore poi si pensa ad una multiutility- dice ancora Crispiani-. Il prossimo 11 novembre esprimeremo consenso per la gara sul gas. Siamo invece perplessi sul fatto di aggregare insieme soggetti di diversi settori come gas e rifiuti. Per quanto invece riguarda il servizio idrico, va immediatamente messo in pratica quanto stabilito dal voto popolare”.

Come gruppo consiliare quindi, Sel emenderà la proposta della maggioranza e chiederà di avviare da subito, la trasformazione di Multiservizi da Spa ad azienda pubblica speciale, garantendo in questo modo l'esito referendario e la fuoriuscita dell'acqua da ogni logica di mercato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento