Sagramola vince i congressi Pd in provincia: 85% dei consensi per il nuovo segretario

Il segretario regionale dei dem, Francesco Comi: «Siamo l’unica forza che seleziona democraticamente la propria classe dirigente»

Giancarlo Sagramola

La scelta del popolo dem alla fine è caduta su Giancarlo Sagramola. È stato un lungo periodo di congressi comunali e di urne aperte per scegliere il segretario provinciale dopo Fabio Badiali e in vista di elezioni amministrative "pesanti" come Ancona e Falconara ma anche a Chiaravalle, Morro d'Alba e Ostra Vetere. L'ex sindaco di Fabriano, appoggiato dai big del partito, alla fine l'ha spuntata su Valeria Picardi con l'85% dei consensi. I circoli dei maggiori centri della provincia erano con lui, dopotutto. Ad Ancona, come a Macerata (dove Francesco Vitali ha superato il sindaco di Appignano, Osvaldo Messi), erano in pista due candidati. Nelle altre province si è trattato di una candidatura unica e sono stati eletti Matteo Terrani (ad Ascoli dopo il ritiro di Simone Splendiani), Fabiano Alessandrini (Fermo) e Giovanni Gostoli (Pesaro Urbino). A Sagramola sono arrivati i complimenti del deputato democratico Emanuele Lodolini. «Un risultato chiaro e forte a cui sono contento di aver dato un contributo – ha detto - Ci aspetta un gran lavoro, da fare insieme, con il cuore e con la testa. Rilanciare il Partito, in provincia e nelle Marche, tornare protagonisti, ma ancor prima riscoprirci Comunità. È il giorno del ritrovato orgoglio e della ritrovata autonomia».

Servirà un rilancio, a livello provinciale, già a partire delle amministrative dopo le batoste di Fabriano e Castelfidardo e la disfatta bis di Jesi. Plaude al momento congressuale il segretario regionale Francesco Comi. «Sono state settimane molto intense – è il commento - con centinaia di assemblee e migliaia di militanti impegnati e appassionati della buona politica. Una grande comunità che ha dibattuto su problemi concreti. Siamo l’unica forza che seleziona democraticamente la propria classe dirigente. Tutti e cinque i segretari sono figure di esperienza, di equilibrio, che conoscono bene il proprio territorio. Insieme rappresentano una grande squadra forte, rappresentativa, motivata e che rafforza moltissimo il gruppo dirigente regionale». Per Sagramola, che proprio il Pd aveva deciso di non ricandidare a Fabriano che poi ha scelto un sindaco dei 5 Stelle, «oggi si vedono risultati non personali, ma come comunità, come un popolo di persone che fa attività politica per gli altri non per sé, che vuole intercettare le esigenze e proporre un progetto politico. Temi quali sanità, rifiuti, acqua, rappresentano solo alcune delle problematiche alle quali cercheremo di dare risposte non su Facebook, ma in modo visibile e concreto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • I rifugi di montagna più belli delle Marche

Torna su
AnconaToday è in caricamento