Primo giorno di scuola, la Regione: «Nessuna criticità nei servizi di trasporto degli studenti»

nche Trenitalia ha comunicato che la situazione è risultata regolare anche per il trasporto su ferro

Foto di repertorio

ANCON - Si sono svolti in generale senza rilevanti criticità i servizi di trasporto regionali su gomma riservati agli studenti nel giorno della ripresa dell’attività scolastica in presenza. Anche Trenitalia ha comunicato che la situazione è risultata regolare anche per il trasporto su ferro.

I resoconti raccolti oggi dal servizio Trasporti della regione Marche hanno fatto rilevare in tutta la regione la buona rispondenza dei potenziamenti delle corse dedicate, dei sistemi di segnalazione dei sovraccarichi e dell’attività di supporto e assistenza degli steward. Qualche problema di assembramento è stato rilevato nelle corse di ritorno di metà giornata in alcuni terminal, a Macerata e Camerino. Per queste situazioni si stanno mettendo a punto soluzioni ad hoc, da utilizzare immediatamente nei prossimi giorni. Rimane comunque alta l’attenzione sull’evoluzione dei flussi delle prossime settimane, in quanto questi primi giorni di scuola risentono di situazioni particolari dovute principalmente allo scaglionamento delle entrate nei diversi istituti (alcuni dei quali non hanno ancora ripreso totalmente le lezioni in presenza), e all’intervento di molte famiglie, che hanno preferito l’uso del mezzo proprio per raggiungere la scuola.

Nello specifico - fa sapere la Regione Marche - nella provincia di Pesaro Urbino nella mattinata i servizi si sono svolti prevalentemente in modo regolare. Le aziende segnalano la necessità di apporre alcuni aggiustamenti relativamente alla distribuzione dei carichi, che sarà in ogni caso più precisa quando saranno stabilizzati gli orari di uscita dalle scuole. Servizi regolari in provincia di Ancona, dove mediamente sull’extraurbano si sono registrati carichi dal 20% al 70% e non sono quindi risultati necessari ulteriori potenziamenti rispetto a quelli già messi in campo. I servizi rimangono comunque cautelativamente sovradimensionati. Sono stati molto apprezzati ed utili i numerosi steward disposti dall’azienda. Nella provincia di Macerata, dove è stato particolarmente apprezzato il sistema di segnalazione dei sovraccarichi, la situazione complessivamente positiva richiede una serie di aggiustamenti per evitare assembramenti nei principali terminal di Macerata e Camerino che raccolgono numeri significativi di studenti per i viaggi di ritorno. La soluzione immediatamente applicabile a Macerata, in relazione alla presenza di un cantiere, è l’incremento della presenza di steward, che garantiscano un maggiore ordine dei flussi e un migliore utilizzo degli spazi di attesa e di movimento effettivamente a disposizione. A Camerino si stanno mettendo a punto in queste ore soluzioni di gestione della viabilità in collaborazione con il Comune.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Servizi regolari sono stati registrati a Fermo, senza particolari criticità legate alla gestione emergenziale. Nessun problema rilevante neanche nella zona dell’Ascolano e nelle zone montane della provincia, così come a San Benedetto del Tronto. Attualmente i servizi predisposti sono leggermente sovradimensionati ma verranno cautelativamente mantenuti tali almeno per l’intera settimana, per fronteggiare efficacemente gli aumenti di domanda attesi. Nel complesso alcuni operatori segnalano flussi di mobilità/traffico inferiori alle previsioni. L’intera mobilità regionale, non solo quella scolastica, non è ancora tornata al 100% della normale domanda. Secondo gli operatori sarà possibile disporre di un quadro più chiaro della situazione a partire dalla prossima settimana, e soprattutto dall’inizio del mese di ottobre, periodo in cui diverse scuole che attualmente adottano la didattica integrata, in presenza e a distanza, hanno già dichiarato l’intenzione di rientrare totalmente in presenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento