Scuola, l'assessore Bravi vuole chiarezza: «Data non in conflitto con le Regionali»

Cosi' l'assessore regionale all'Istruzione delle Marche, Loretta Bravi, a margine della videoconferenza stampa per presentare le misure a sostegno dei servizi educativi a gestione privata varate dalla Regione

La videoconferenza stampa

ANCONA - «Abbiamo chiesto chiarezza entro 10 giorni». Cosi' l'assessore regionale all'Istruzione delle Marche, Loretta Bravi, a margine della videoconferenza stampa per presentare le misure a sostegno dei servizi educativi a gestione privata varate dalla Regione, ha risposto ad una domanda sulla riaperture di scuole e asili al termine dell'estate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Noi siamo in stretto contatto con la nona commissione della Conferenza Stato-Regioni e abbiamo chiesto chiarezza entro 10 giorni- dice Bravi-. Vogliamo sapere la data, vogliamo che questa data non vada a confliggere con le elezioni regionali e quindi ci vuole una scelta ministeriale e unificata. La ministra ci ha detto che dalle misure, tipo mascherine, plexiglas, distanziamento, si e' passati ad una visione un po' diversa ossia classi con 14-15 al massimo 16 alunni, opportunita' di spazi limitrofi per dividere gli alunni e no ai doppi turni. Per questo le Regioni hanno chiesto l'organico di emergenza. È tutto molto interessante perche' si torna alla scuola di relazione con tutto il rispetto della didattica a distanza». Il Governo si e' dunque impegnato a dare indicazioni alle Regioni entro il 25 giugno. «Altro non c'e'- conclude Bravi-. Purtroppo indicazioni precise dalla ministra non le abbiamo avute. Vogliamo queste notizie entro il 25. Cio' che si dice e' che fino a sei anni non e' obbligatoria la mascherina, non e' obbligatorio il distanziamento e che e' una responsabilita' del genitore. Enti locali e sindaci, intanto, si stanno facendo in quattro per trovare gli spazi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • Si schianta con un'auto, camper si ribalta: un ferito è gravissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento