Politica

Risanamento frana: Ancona ammessa al concorso dell’ex sindaco di New York

Il capoluogo parteciperà al "Mayors challenge 2013-2014", il concorso che premia i progetti innovativi con particolari approcci creativi e di sostenibilità e capaci di influire positivamente sulla vita dei cittadini

La città di Ancona è stata ammessa a partecipare al  premio “Mayors challenge 2013-2014”  indetto dall’ex sindaco di New York Michael R. Bloomberg per premiare – attraverso una competizione tra città europee – progetti innovativi che abbiano particolari approcci creativi e di sostenibilità e capaci di influire positivamente sulla vita dei cittadini.

Sono stati accettati i requisiti e comunicato l’accreditamento al premio: ora potrà essere presentato, entro il 31 gennaio del 2014, il progetto di interramento del piede della frana con il materiale di escavo dei fondali per la realizzazione della banchina Marche e la realizzazione conseguente di un lungomare da marina Dorica a Torrette, che un gruppo di lavoro interassessorile costituito ad hoc e coordinato dagli assessori al Porto Ida Simonella e ai Lavori pubblici Maurizio Urbinati, sta mettendo a punto.

Il progetto - che è stato portato all’attenzione di un tavolo di lavoro di cui fanno parte tutti i soggetti coinvolti in quell’area: Regione, Arpam, Autorità portuale, Ferrovie dello Stato, Capitaneria di porto, Marina Dorica -  ruota intorno a un’idea forte di risanamento del piede della frana riciclando il materiale pulito proveniente dallo scavo dei fondali previsto per la realizzazione del secondo e terzo stralcio della banchina Marche. Qualora ci fossero sia le condizioni operative sia la capienza potrebbe anche essere utilizzato il materiale risultante dello scavo della galleria prevista per l’Uscita a Ovest, garantendo uno smaltimento "a chilometro zero" e dando una risposta sostenibile dal punto di vista ambientale oltre che economico a un problema molto avvertito nelle grandi opere come quello dello smaltimento e del trasporto dei materiali.

L’interramento offrirebbe l’occasione non solo per ridurre il rischio frana, ma anche  per realizzare e progettare come lungomare il tratto di costa da Marina Dorica a Torrette che potrebbe avere nuove funzioni e destinazioni con strutture leggere, piste ciclabili, stabilimenti ecc.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Risanamento frana: Ancona ammessa al concorso dell’ex sindaco di New York

AnconaToday è in caricamento