menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Daniele Berardinelli, duro il suo attacco

Daniele Berardinelli, duro il suo attacco

Caos Tari, Berardinelli (Fi): «Cifre errate e silenzio sui rimborsi, una vergogna»

Il consigliere azzurro insieme agli esponenti di centrodestra lancia strali sul sindaco Mancinelli. Ciccioli: «A breve il nostro candidato»

I rimborsi della Tari non sarebbero lievi - tra i 15 e i 30 euro - ma tra i 45 e i 135 euro. Lo sostiene Daniele Berardinelli, consigliere comunale di Forza Italia, che sulla questione della Tari gonfiata si scaglia contro l’amministrazione comunale. «In questi giorni - dice - ho notato la totale assenza di informazione ai cittadini. Ho parlato con i vertici di Ancona Entrate e mi è stato detto che non c‘è afflusso di cittadini per chiedere lumi su quanto pagato. La cosa colpisce. Sul punto il sindaco ha un comportamento vergognoso. Si sta togliendo ai cittadini la possibilità di chiedere un rimborso». Stando ai conti fatti dal Comune ci sarebbero 16mila famiglie che hanno pagato di più. E visto che la Tari copre il 100% dei costi del servizio rifiuti, circa 24mila sarebbero quelle che hanno pagato meno.

«Una fake news - la definisce Berardinelli - i 24mila hanno pagato il giusto e ora il Comune deve risarcire gli altri. Come? Il Mef ha già detto che non è possibile aumentare a tutti la Tari per coprire i rimborsi. L’unica via di uscita è se nel 2014 il Comune si è dotato di un accantonamento del 5x1000 consigliato dal ministero. Sarà l’argomento della mia prossima interrogazione in consiglio». Il centrodestra - con Forza Italia ci sono anche Fratelli d’Italia e Lega Nord - annuncia l’allestimento di un gazebo per ricevere i cittadini dubbiosi sul punto e far loro il calcolo esatto di quanto dovrebbero ricevere come rimborso. «Temo che si configuri un danno erariale - conclude - al quale saranno chiamati a rispondere i consiglieri comunali che hanno approvato il regolamento errato». Un errore che nasce dal calcolo della parte variabile della tassa anche sulle pertinenze, punto chiarito successivamente dal Governo e che riguarda le annualità dal 2014 ad oggi. «Un meccanismo istituito - ricorda Berardinelli - proprio votando un emendamento presentato dal sindaco. La responsabilità politica è certa, se ci sarà responsabilità anche erariale lo vedremo».

A breve l’Anti Mancinelli

«Oltre alla Tari questo governo si è contraddistinto per arroganza e incompetenza» commenta Francesco Luciani, coordinatore dorico della Lega Nord mentre per Carlo Ciccioli, FdI «gli anconetani sono stati amministrati come bestie per quattro anni e mezzo mentre ora, a sei mesi dalle elezioni, assistiamo a un “trucco e parrucco” fatto di asfalti, ruota magica ed eventi. Il tempo è scaduto». Il centrodestra classico ad Ancona viaggia unito in attesa di sapere quali sono le intenzioni delle civiche come La tua Ancona e 60100. Il nome del candidato sotto l’albero di Natale? Dipenderà dalle risposte di D’Angelo e Tombolini. Qualora non arrivassero Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia romperanno gli indugi. Nel frattempo si muovono a fronte unico contro il sindaco Mancinelli. «Ancona e la città dove ci sono le addizionali più alte di Italia, non è una sorpresa se qui si è fatto questo errore di calcolo - sbotta Angelo Eliantonio, coordinatore cittadino di FdI - quel che è veramente vergognoso è il silenzio attorno a questa vicenda mentre in altre città, vedi Milano, si è aperto un dibattito su come saranno restituiti questi soldi. Viene il dubbio che sia sconveniente in termini elettorali parlare di questo errore. Compito della politica di prossimità è quello di stare vicini ai cittadini e risolvere i problemi, soprattutto come questi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento