Parità di genere, conclusa la notifica del ricorso al Tar contro la Regione Marche

Il ricorso é patrocinato dagli avvocati Massimo Belelli e Claudio Freddara e dall'avvocata Raffaella Bresca del foro di Ancona

Foto di repertorio

Si é conclusa oggi la notifica del ricorso al Tar contro la Regione Marche per il mancato rispetto dell'equilibrio di genere nella composizione della giunta regionale. Il ricorso é stato promosso dalla consigliera di Parità per la Regione Paola Petrucci, affiancata da 61 ricorrenti tra istituzioni, associazioni, movimenti politici, cittadine e cittadini che denunciano il mancato rispetto della legge vigente sul tema. 

«Se non fossimo stati in periodo Covid avremmo potuto raccogliere le firme delle oltre cento persone che avevano dichiarato l'appoggio al ricorso comprese molteplici associazioni e movimenti nazionali- spiega in una nota Petrucci-. Tra le firme a sostegno del ricorso l'ex assessora regionale alle Pari opportunità Manuela Bora, l'ex governatore e magistrato Antimafia Vito D'ambrosio, le assessore pesaresi Giuliana Ceccarelli e Sara Mengucci e il coordinatore regionale di Sinistra italiana Giuseppe Buondonno». Il ricorso é patrocinato dagli avvocati Massimo Belelli e Claudio Freddara e dall'avvocata Raffaella Bresca del foro di Ancona.  «La Regione Marche viene quindi richiamata al rispetto delle normative sulla partecipazione equilibrata di donne ed uomini nella gestione della cosa pubblica- conclude Petrucci- affinché sia restituita una corretta rappresentazione della società».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

Torna su
AnconaToday è in caricamento