Lega Marche: «Subito contributi a fondo perduto per i pubblici esercizi e no costi dei Confidi»

Il segretario Paolo Arrigoni annuncia con i suoi colleghi del Carroccio di aver presentato una serie di emendamenti alla proposta economica che si discuterà nel consiglio regionale dell'8 aprile

«Contributi a fondo perduto per i pubblici esercizi che hanno sospeso l'attività e azzeramento dei costi per tutte le pratiche Confidi». Sono queste le proposte per le quali si batterà la Lega nella discussione sulla proposta di legge economica regionale. In questa fase di emergenza sanitaria ed economica è prioritario garantire la liquidità, abbattere i costi ed azzerare la burocrazia. Il Segretario Paolo Arrigoni, insieme ai consiglieri regionali della Lega Sandro Zaffiri, Luigi Zura Puntaroni, Marzia Malaigia e Mirco Carloni, annunciano di aver presentato una serie di emendamenti alla proposta economica che si discuterà nel consiglio regionale di giovedì. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La proposta di legge 351 Carloni presentata pochi giorni fa si conferma essere sempre più attuale soprattutto alla luce di quanto previsto dal decreto emanato dal Governo ieri 6 aprile, decreto legge liquidità, che rischia di sovrapporsi alla legislazione regionale. Abbiamo presentato una serie di emendamenti affinché le imprese marchigiane possano beneficiare delle garanzie gratuite dello Stato, senza ulteriore burocrazia e senza nessun obbligo di intervento dei Confidi laddove si creino condizioni peggiorative. I costi legati alle pratiche di finanziamento attraverso i Confidi, inoltre, devono essere realmente azzerati fino al 30 settembre. L’intero iter procedurale deve essere gratuito nella forma e, soprattutto, nella sostanza, evitando costi nascosti perché sarebbe assurdo che con i soldi pubblici della Regione si vada ad abbattere l'interesse di Confidi quando poi lo Stato lo offrirà senza oneri aggiuntivi».
Il comunicato prosegue così: «Abbiamo presentato un emendamento per immettere con urgenza liquidità per quei pubblici esercizi costretti a chiudere a causa delle misure di contenimento, come parimenti è stato fatto per gli agricoltori, evitando di creare categorie di serie A e di serie B. Per quelle categorie, che certamente rientrano tra le più penalizzate, vorremmo che venisse erogato un contributo a fondo perduto del 10% della media del fatturato dell'ultimo triennio». «In questo momento di emergenza per la nostra economia abbiamo il dovere di compiere scelte coraggiose capaci di dare risposte concrete ai tanti imprenditori che sono preoccupati dalla situazione economica regionale causata anche dall'inerzia e dall'inconcludenza degli ultimi cinque della giunta Ceriscioli».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

  • Meteo, l'autunno irrompe sulle Marche: in arrivo temporali e crollano le temperature

  • Sconfitta dal Marina alla prima di campionato, l'Anconitana è già una delusione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento