Stupro al Piano, Forza Nuova: «Militarizzare il quartiere»

Quelli di Forza Nuova si chiedono se sia giusto prendere seriamente in considerazione la militarizzazione del Piano

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Ancona, lunedì 9 marzo, zona Piano. Due peruviani stuprano una ragazza 20enne dopo averla pesantemente sedata. La giovane scioccata ha sporto la denuncia e le indagini dei Carabinieri hanno condotto a due peruviani, figli di immigrati stabilmente residenti in Italia da sempre, come tanti altri.

La zona del Piano-Stazione è letteralmente in mano ad immigrati che compiono ogni sorta di deturpazione e delinquenza che parte dal gusto dello sporcare, del rovinare, allo spaccio, al furto, alle risse, fino agli stupri. Mentre i cittadini anconetani stanno arrivando al punto di terminare la pazienza noi di Forza Nuova ci chiediamo se sia giusto prendere seriamente in considerazione la militarizzazione del Piano, perché a questi punti drastici si deve giungere ora che l'immigrazione e la società della “ricchezza multiculturale” stanno maturando i loro frutti di violenze e soprusi.

Ci chiediamo pure “chi sarà il prossimo”, il prossimo a subire una violenza, il prossimo a subire un furto, perché tanto bisogna farci l'abitudine: è questione di statistica, accadrà e riaccadrà ad un ritmo sempre più sostenuto (oggi sono sbarcati 3000 immigrati e se si pensa ai numeri forniti da Frontex: i profughi pronti a partire dal Paese nordafricano oscillano tra 500mila e un milione. Gli scenari sono preoccupanti). E' giunta l'ora che gli anconetani si riprendano la loro dignità, e ciò può avvenire solo quando si smetterà di guardare la televisione sperando nei vari “salvatori del momento” e si sceglierà invece di scendere in piazza assieme a quella Forza che predica già dal 1997 il blocco immediato dei flussi immigratori e il rimpatrio di qualcunque immigrato abbia commesso un reato.

Forza Nuova Ancona

Torna su
AnconaToday è in caricamento