menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il gruppo assemblare del Partito democratico

Il gruppo assemblare del Partito democratico

Il Pd si scaglia contro Acquaroli: «Provincia blindata ma dentro è tutto concesso, assurdo»

Così il commento del gruppo assembleare del Partito democratico sull'ordinanza del governatore, Francesco Acquaroli, e la crescita dei contagi nella zona dell'anconetano

«Prima o poi doveva accadere. A forza di barcamenarsi tra i diktat romani per contrastare il governo nazionale e il confuso operato dell'assessore alla Sanità, Filippo Saltamartini, era inevitabile il presidente Acquaroli finisse per combinarla grossa. E così è puntualmente successo, grazie all'ordinanza con cui egli ha voluto trasformare la provincia di Ancona in uno spazio da cui non si può uscire ma dove al suo interno tutto o quasi è permesso». Inizia così il commento del gruppo assembleare del Partito democratico sull'ordinanza del governatore, Francesco Acquaroli, e la crescita dei contagi nella zona dell'anconetano. «Purtroppo, la verità è che, dopo uno screening di massa fatto senza alcuna razionale strategia- sottolineano i dem in una nota- i tentennamenti sulla riapertura delle scuole che hanno determinato un ritorno in classe senza le necessarie precauzioni per studenti insegnanti e personale, gli imbarazzanti rallentamenti della campagna vaccinale e l'approssimativo coinvolgimento dei medici di base, il rinvio della vaccinazione dei disabili e le gravi lacune di quella degli over 80 e delle popolazioni delle aree interne, presidente e giunta continuano ostinatamente a improvvisare e a giocare con la salute dei cittadini».

Una decisione a metà. «L'ordinanza riguardante il blocco degli spostamenti all'interno della provincia di Ancona- affermano i dem- è di fatto una decisione a metà, dettata esclusivamente dalla necessità di deresponsabilizzare presidente e giunta rispetto alla crescita dei contagi e, al contempo, di evitare le critiche per provvedimenti che, in coerenza con il provvedimento adottato, per serietà e soprattutto per una reale efficacia, avrebbero dovuto prevedere almeno le stesse limitazioni anche tra i singoli comuni». Concludono rincarando la dose i dem: «Come la scelta presa dal presidente Acquaroli potesse servire a frenare in soli quattro giorni i contagi in un territorio che vede tra l'altro il prevalere della virulenta variante inglese, resta francamente un mistero. Tanto è vero che, drammaticamente, qui i casi continuano a cresce molto piu' che nelle altre province».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Venerdì firmo la nuova ordinanza, zona rossa fino al 14 marzo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento