rotate-mobile
Politica

Alta velocità e arretramento linea Adriatica, il presidente della Provincia Daniele Carnevali: «Grave ritardo, sono strumenti prioritari»

Lo afferma il Presidente della Provincia di Ancona Daniele Carnevali che dice: “Sono d’accordo con il Presidente di Confindustria Ancona Bocchini, non possiamo lasciarci sfuggire un’occasione unica"

ANCONA - “Un ritardo grave e considerevole. L’alta velocità e l’arretramento lungo la linea Adriatica sono strumenti prioritari per lo sviluppo della nostra regione. Non è pensabile restare esclusi da questa partita che mette in gioco il futuro delle Marche e dei suoi territori. Serve dissolvere la nebbia che grava su questo progetto, sono d’accordo con il presidente di Confindustria Ancona Bocchini sulla necessità di collegarsi al nord pena un’arretratezza in termini economici quanto mai preoccupante, ma noi siamo a disposizione”, è netta la posizione del Presidente della Provincia di Ancona Daniele Carnevali sul tema dirimente dell’Alta velocità nelle Marche. “Non possiamo lasciarci sfuggire questa occasione, è troppo importante per la regione e per tutto il versante adriatico. Dall’alta velocità avremmo benefici economici di indubbia rilevanza proprio come faceva notare il Presidente Bocchini. Ma continuano ad essere troppe le incognite e i passaggi che non sono ancora chiari. Come provincia di Ancona siamo comunque a disposizione insieme a Confindustria e con tutti quelli che hanno a cuore questo progetto per una interlocuzione con la Regione Marche. Siamo pronti a dare una mano ed andare avanti. Non solo – conclude Carnevali – sempre in qualità di provincia di Ancona nel direttivo Upi ho posto il tema, pienamente accolto, che le province non possono restare fuori da questo progetto e da questo dibattito, che interessa nel profondo lo sviluppo di tutti i nostri territori”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alta velocità e arretramento linea Adriatica, il presidente della Provincia Daniele Carnevali: «Grave ritardo, sono strumenti prioritari»

AnconaToday è in caricamento