Accesso al centro, frazioni, sicurezza e beni immobili: le priorità di Fratelli d'Italia

Comincia una fase politica e amministrativa importantissima in cui Fratelli d'Italia-AN si apre al confronto non solo con tutte le forze di opposizione ma soprattutto con le categorie produttive

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Angelo Eliantonio, Angelica Lupacchini, Carlo Ciccioli, Fabrizio Del Gobbo, Stefano Benvenuti Gostoli, in conferenza stampa ad Ancona per controbattere i recenti annunci del sindaco Mancinelli, che come i precedenti si risolveranno in un nulla di fatto. I dirigenti di Fratelli d'Italia-AN hanno evidenziato le priorità per la città: facilitare l'accessibilità al centro cittadino, che tutt'ora è problematica soprattutto nelle ore di punta, non avendo identificato percorsi sufficienti e alternativi a quelli attuali ed in particolare la necessità di un piano adeguato per la sosta nelle aree centrali; la sicurezza, soprattutto in relazione al forte insediamento di popolazione extracomunitaria accentrata in alcuni quartieri a rischio; il rilancio delle periferie e delle frazioni che vengono lasciate nell'abbandono, senza alcun intervento di manutenzione e recupero; il recupero del patrimonio immobiliare in disuso attraverso la realizzazione di parcheggi e nuovi insediamenti industriali con agevolazioni sulle tasse e tariffe comunali pluriennali e nuove norme urbanistiche attrattive. Tutto ciò anche alla luce della bocciatura dell'Uscita Ovest su cui tragicamente tace la nostra amministrazione, anzi la considera stupidamente una buona notizia, e che metterà a dura prova le effettive possibilità di rilancio e sviluppo della maggiore industria della città, il porto. Comincia una fase politica e amministrativa importantissima in cui Fratelli d'Italia-AN si apre al confronto non solo con tutte le forze di opposizione ma soprattutto con le categorie produttive e tutte le energie positive associazionistiche e cittadine che vogliono contribuire ad un progetto alternativo realizzabile che dia nuove linee guida ad Ancona, ed indirizzi la nuova Giunta comunale che inevitabilmente tra un anno sostituirà quella attuale.

Torna su
AnconaToday è in caricamento