Giovedì, 17 Giugno 2021
Politica

Camerano, progettazione europea: dai gemellaggi ai progetti di rete

L’assessore Renato: “Già attivi progetti di gemellaggio, al lavoro su progetto di rete «European Network of Border Municipalities», sull'agricoltura biologica e sulla musica popolare”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Nella giornata di lunedì a Santa Maria Nuova si è effettuato un incontro dal taglio decisamente operativo per discutere sulla realizzazione di alcuni progetti europei da sviluppare nei prossimi mesi.
Presenti alla riunione l'Associazione Focus Europe e Ciranda oltre ad alcuni amministratori locali che stanno lavorando per avviare una rete di collaborazione fra vari Comuni della Provincia di Ancona.
Fra le tematiche ricorrenti che compaiono nelle linee programmatiche c'è la volontà di realizzare e sviluppare progetti che abbiano come conseguenza quella di finanziare attività sui territori Comunali, ma anche di promuovere nella dimensione locale politiche europee e della cittadinanza europea.
L’obiettivo da circa un anno, è in generale quello di organizzare un canale di lavoro al fine di avere la possibilità di accedere ai finanziamenti erogati direttamente dall’Unione Europea per il periodo 2014–2020, attraverso una gestione coordinata tra vari Comuni che miri a definire progetti capaci di intercettare più efficacemente i fondi comunitari attraverso una pianificazione condivisa di esigenze diffuse.

Nei fatti al momento si sta già operando su più fronti: nell'ambito di «Europe for Citizens» sono in fase di sviluppo e/o rielaborazione i progetti «EU-CAN: European Union Coastal Areas Network - Development of Coastal Area», «Democratic Engagement of Citizens in the European Union», «An European Bridge of Sounds (Eu-Bridge)», «Municipalities Network for Active Citizenship - ActivEurope», «Disoccupazione e mobilità giovanile (EU-YES)».
Sono già attivi dei progetti di «Twinning» con alcuni Comuni, si sta lavorando nel progetto di rete «European Network of Border Municipalities», sono stati attivati degli ″alert″ sull'agricoltura biologica e sulla musica popolare.

Al momento si sta valutando anche l'asse dei finanziamenti messi a disposizione da «Horizon 2020» ed «Erasmus+».

Da un punto di vista operativo nei prossimi mesi ci sarà una prima fase in cui l'Associazione Focus Europe e Ciranda si occuperanno della ricerca di finanziamenti e dell'intero iter di presentazione.

La seconda fase, prevedrà la fase di sviluppo delle varie proposte progettuali, cercando i partners, curando le relazioni volte all'internazionalizzazione degli enti coinvolti e l'attività di promozione dei progetti.

L'ultima fase prevedrà le attività di rendicontazione e completamento delle attività amministrative che porteranno il progetto al completamento attraverso l'analisi degli «output» derivanti dalle attività svolte.

Il percorso intrapreso è lungo e pieno di complessità e non sono pochi gli ostacoli, le indifferenze, i dubbi, l'impreparazione, l'incompetenza e gli scetticismi che si incontrano.
Si sta cercando di lavorare con determinazione e pazienza con l’intento di dare una risposta, anche attraverso i progetti europei, ai nuovi scenari politici, economici e sociali che ci troveremo ad affrontare.

Assessore Politiche Comunitarie
Costantino Renato

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camerano, progettazione europea: dai gemellaggi ai progetti di rete

AnconaToday è in caricamento