Primarie Pd, Daniela Diomedi (M5S): «Il crollo dei votanti dimostra la disaffezione»

Dopo i proclami di partecipazione democratica alle primarie del pd, quello che più mi preoccupa sono i numeri che riguardano Ancona

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Dopo i proclami di partecipazione democratica alle primarie del pd, quello che più mi preoccupa dell’analisi che i vincitori e gli sconfitti stanno facendo sono i numeri che riguardano Ancona. Se il crollo dei votanti dimostra la disaffezione di chi vota pd verso il partito che governa la città, la pesante sconfitta nel capoluogo di Ceriscioli,  appoggiato dalla Mancinelli, dimostra quanto bassa sia la loro fiducia verso il sindaco che nel 2013 hanno votato. Ma le mie preoccupazioni non sono finite. Il pd di Ancona non ha saputo esprimere alcun candidato presidente. Marcolini è di Macerta e Ceriscioli di Pesaro, sostenuto da Ucchielli e da quel partito pesarese che ha fatto a brandelli il pd anconetano e di conseguenza la città che ha sempre governato: Ancona!  Siamo davvero in una botte di ferro ….Fortunatamente i marchigiani hanno un’alternativa che guardi realmente ai loro interessi, quella del Movimento 5 Stelle e di Gianni Maggi candidato presidente.

Daniela DIomedi - Cons. M5S Ancona

Torna su
AnconaToday è in caricamento