Primarie Parlamentari Sel: intervista ad Edoardo Mentrasti

Una patrimoniale straordinaria per chi ha un capitale dal milione di euro in su. Questo è uno dei modi che ha in mente Mentrasti per recuperare credito e abbassare l'Imu. Intervista al candidato anconetano di Sel

Edoardo Mentrasti, 56 anni. Nato e vive ad Ancona. Sposato con una figlia. E' candidato alle primarie Parlamentari di Sinistra Ecologia e Libertà per la provincia di Ancona.

Curriculum. Nasce nel vecchio Pdsi. Consigliere comunale dal 1988 al 1993. Consigliere regionale dal 1993 al 1995. Assessore regionale all'ambiente, trasporti e urbanistica dal 1995 al 2000. Nel 2001 esce dal Pdsi  e confluisce nel partito di Rifondazione Comunista per cui é stato consigliere comunale ad Ancona fino al 2006. Oggi sposa l'ideale politico di Nichi Vendola ed è coordinatore regionale di Sel.

Cosa farebbe se fosse eletto per riportare e riqualificare il lavoro in Italia e nel territorio anconetano?

"La prima cosa da fare è la redazione di un piano per il lavoro, orientato in particolare ai giovani. L'area tematica di intervento è quello dei lavori di tipo ambientale, per la cura e il riassetto idrogeologico, dei fiumi, delle colline, della riqualificazione urbana delle città. Lì c'è un'immensa possibilità di costruzione di lavori, sia intellettuali e tecnici che manuali, che possono servire per il riassetto dei fiumi e riassetto del territorio [...] Il porto di Ancona mi sembra la questione decisiva. Nel porto sappiamo che ci lavorano dalle 4 alle 5 mila persone ed è quindi un polmone produttivo fondamentale, che pur sta resistendo ai venti di crisi commerciale. Ma potrebbe resistere meglio, potrebbe qualificarsi e sprintare per il futuro. Questo a condizione che tutta una serie di spazi, che servono per esigenze dei movimentazione delle merci, vengano resi disponibili. Purtroppo le risorse finanziarie devono ancora venire."

Lei è stato assessore regionale all'ambiente. Nelle Marche Impianti a biogas si o no?

"Non si tratta di scegliere biogas si o no. La cosa fondamentale da capire è che non possono darsi grandi impianti energetici perchè il grande impianto cala in modo negativo sul territorio e non si inserisce correttamente nel tessuto ambientale. Un conto è un piccolo impianto, che è integrato alla produzione agricola e al tessuto urbano della nostra provincia. Un conto è un impianto relativamente grosso, che avrebbe un impatto ambientale pesante e soprattutto reperirebbe la materia prima in un intorno ambientale assolutamente non compatibile.

Unione tra persone dello stesso sesso. Lei come si pone di fronte a questo tema?

"Totale parità dei diritti tra coppie omosessuali e eterosessuali. Il diritto non è sezionabile a metà per cui io sono per la totale parificazione dei diritti."

Tasse. L'Imu la toglierebbe o seguirebbe l'esempio del Governo Monti?

"Noi non abbiamo condiviso la politica del governo Monti e questo eccessivo appesantimento sulle condizioni di vita in generale dei cittadini, in particolare attraverso l'imposizione immobiliare della nuova Imu [...] Penso che si possa rivedere radicalmente l'imposizione immobiliare attraverso l'adozione di una patrimoniale, quindi case, beni immobili, oltre che su beni e rendite finanziarie, proprio per togliere questo peso eccessivo delle tasse sui ceti medio-bassi. A partire da un milione di euro di patrimonio, lì si deve essere molto esigenti. Al di sotto non ci deve essere tassazione."

Perchè votare Edoardo Mentrasti?

"Intanto perché c'è bisogno in Parlamento di una persona di sinistra che sappia da che parte stare, quindi dei lavoratori, precari e senza diritti. Tutti i compagni di Sel sono validi. La scelta va al popolo sovrano, al popolo della sinistra."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento