Pozzo di perforazione tra Ancona e Falconara, Altra Idea di Città: "Ennesima scelta dannosa"

«Davvero i poteri economici giocano un ruolo cosi importante da soppiantare il diritto costituzionale alla salute e all’ambiente?»

foto d'archivio

«Abbiamo appreso in questi giorni la notizia che la multinazionale Eni ha richiesto la costruzione di un nuovo pozzo di perforazione a soli 35 km dalla costa tra Ancona e Falconara. L’iter burocratico per concedere il via libera alla piattaforma è al vaglio del Comitato tecnico per la valutazione sull’impatto ambientale (CTVIA). L’8 agosto la società Eni ha presentato al ministero dell’ambiente la richiesta di concessione di un nuovo pozzo. Ora cosa è possibile fare?». A commentare la notizia è Altra Idea di Città. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Intanto i cittadini tutti ed i Comuni sia di Ancona che di Falconara, possono presentare osservazioni al progetto entro 60 giorni dalla presentazione di suddetta richiesta (ovvero entro il 1dicembre 2018) e questo è il primo fronte su cui impegniamo il nostro movimento politico. L’ Art 4 comma 3 del codice dell’ambiente recita che “La valutazione ambientale di piani, programmi e progetti ha la finalità di assicurare che l'attività antropica sia compatibile con le condizioni per uno sviluppo sostenibile, e quindi nel rispetto della capacità rigenerativa degli ecosistemi e delle risorse, della salvaguardia della biodiversità e di un'equa distribuzione dei vantaggi connessi all'attività economica.” In una nota la società Eni dichiara che non sussisterà “nessun disturbo alla salute pubblica e all’ambiente”.  Ci chiediamo come questo sarà possibile dal momento in cui quotidianamente la città di Falconara, e di riflesso quella di Ancona, è invasa da esalazioni tossiche e/o residui di materiale catramoso sulla spiaggia antistante la Raffineria.  E’ di pochi giorni fa il ritrovamento di Grumi di Morchia di idrocarburi sulla spiaggia di Falconara M.  Di fronte a tutto questo Altra idea di città continua a sostenere le lotte ambientali cittadine, dal Comitato Trivelle Zero al Comitato Mal’aria di Falconara, sostenendo la necessità di una nuova politica energetica alternativa, che punti all’eliminazione delle fonti fossili e tuteli l’ambiente e per questo si batterà affinchè questo nuovo pozzo non prenda vita; c’è in ballo la salute della nostra città e del nostro territorio. La domanda resta dunque sempre la stessa: come è possibile continuare ad investire nelle energie fossili, nonostante gli accordi presi a livello globale e nonostante le promesse dell’attuale governo che, durante la campagna elettorale e negli anni, ha sempre sostenuto politiche energetiche alternative? Come mai ora cambia strategia? Davvero i poteri economici giocano un ruolo cosi importante da soppiantare il diritto costituzionale alla salute e all’ambiente?»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Concorso pilotato per favorire la fidanzata di un medico, primario nei guai

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento