Potere al Popolo chiede a Ceriscioli: «Requisire le strutture ospedaliere private»

Così Potere al Popolo Marche guarda al problema dell'emergenza del Coronavirus che si sta allargando nelle Marche e propone di intervenire sui privati

Foto di repertorio

«Nelle Marche si sono persi 1.000 posti letto in meno di dieci anni: dai 5511 del 2010 ai 4477 del 2018. Una politica scellerata fatta di tagli alle strutture, ai servizi e al personale per favorire la crescente e progressiva privatizzazione della sanità. Oggi quella politica mostra tutte le sue criticità in questo periodo di emergenza da corona virus. Siamo certi che su queste scelte arriverà il momento del giudizio, ma adesso bisogna contrastare l'epidemia ed impedire che si diffonda». Così Potere al Popolo Marche guarda al problema dell'emergenza del Coronavirus che si sta allargando nelle Marche e propone di intervenire sui privati. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«C'è il rischio reale che i posti letto negli ospedali pubblici presto potrebbero essere insufficienti, esattamente come sta accadendo nelle zone della Lombardia e del Veneto. Noi pensiamo che le strutture private non possano restare a guardare. Noi di Potere al Popolo Ancona chiediamo al Presidente della Giunta regionale delle Marche Luca Ceriscioli, di requisire i posti letto delle strutture ospedaliere attualmente gestite dalle aziende private, nel numero necessario per affrontare l'emergenza in corso. Sia di monito questa brutta esperienza perchè quando l'emergenza sarà finita, speriamo presto, occorrerà rivedere l'impostazione organizzativa del Servizio Sanitario tutto, affinchè torni a rispettare i principi “universalistici” che sanciscono il diritto fondamentale dell'individuo ed interesse della collettività e l'equa erogazione delle prestazioni sanitarie gratuite per tutti i cittadini che non hanno possibilità di pagare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

  • Coronavirus, è allerta nel Comune di Ancona: almeno 5 dipendenti in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento