rotate-mobile
Politica

Porto Antico, Marasca risponde a Rubini: «Nessun cinema predisposto. Street food? Caso emblematico»

L’assessore alla cultura ha risposto al consigliere di Altra Idea di Città che nei giorni scorsi aveva attaccato sul tema Porto Antico

ANCONA- Non si placano le polemiche nell’ambito dei temi movida e calendario eventi. All’attacco nei confronti dell'amministrazione arrivato nei giorni scorsi del consigliere di Altra Idea di Città Francesco Rubini, che aveva protestato con l’ipotesi di allestire un’Arena cinema al Porto Antico dopo aver penalizzato – a suo dire – la zona, è giunta la risposta da parte dell’assessore Paolo Marasca. Una risposta singolare perché veicolata, allo stesso consigliere, come commento al suo post Facebook:

«Il post (anche comunicato inviato alle redazioni nei giorni scorsi, ndr) che hai scritto necessita di un chiarimento, nonostante io sia convinto che non è tua intenzione (conoscendoti) fare propaganda politica usando inesattezze. L'amministrazione non ha predisposto alcun cinema al porto antico e nemmeno ha proposto di farlo all'autorità portuale. Diversamente, ha ricevuto una richiesta da imprenditori di fare un'arena di prime visioni (diversa da quelle vigenti una delle quali, peraltro, è comunale su bando, come saprai). La proposta è poi cambiata, le prime sono diventate seconde, la similarità con altre arene a poca distanza sembrava eccessiva e le aree pensate complicate sul piano logistico per lo sbigliettamento. In ogni caso, il porto antico è stato solo citato in quelle discussioni e non c'è stata alcuna proposta in tal senso dal Comune».

Proseguendo nella disamina: «L'amministrazione resta convinta che il porto antico possa essere spazio per arene importanti di spettacolo, e lo ho già scritto in un post poco tempo fa a te, ma è come affondare le mani nella gelatina ministeriale, parlare in questi contesti, non sembra ci sia interesse a valutare ciò che dice l'altro. Il motivo per cui ciò non accade nel 2022 è che non c'erano i tempi: la caduta delle limitazioni legate alla pandemia tardiva più la nomina tardiva di una presidenza di autorità portuale più altri avvicendamenti ai posti di comando statali in quell'area hanno reso impossibile una programmazione di questo genere dall'inizio dell'estate. Ciononostante, noi riprendiamo la strada interrotta nel 2020, quella che ha visto la proposta di un'arena con palco in quell'area. Può essere che lo proporremo anche per la fine di agosto-inizio settembre ma questo dipende da molti fattori, economici prima di tutto».

Infine, sul tema dello street food festival citato dallo stesso Rubini: «Proprio nella conferenza stampa che usi per il tuo post, abbiamo detto che se arrivano proposte legate al porto antico, il Comune, come sempre ha fatto, le sosterrà davanti all'autorità portuale. Il caso dello street food festival è emblematico: se gli organizzatori (privati, ma sempre patrocinati e sostenuti dal Comune anche con servizio di trasporto pubblico dedicato) decidono di chiedere l'area all'autorità portuale vogliono che noi come amministrazione sosteniamo la cosa, e soprattutto la indichiamo come "importante" per la città davanti all'autorità portuale per facilitare la concessione di spazi, noi lo facciamo. Io stesso ho chiamato l'autorità portuale chiedendo se hanno ricevuto proposte, ma mi è stato detto di no. Allora ho detto: ok, se arrivano proposte a noi, le porteremo alla vostra attenzione».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto Antico, Marasca risponde a Rubini: «Nessun cinema predisposto. Street food? Caso emblematico»

AnconaToday è in caricamento