Direzione PD: approvata all’unanimità la relazione del Segretario Comi

I componenti hanno approvato all’unanimità un documento di solidarietà ai lavoratori, la proposta politico-programmatica di Comi e la convocazione dell’evento “L’impresa del cambiamento” per il 7 novembre

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Seconda tornata per la Direzione del PD Marche, avviata già giovedì scorso. Ieri pomeriggio, presso la sede della Cna regionale di Ancona, nuova riunione per ascoltare i molteplici interventi degli esponenti democratici e condividere i contributi di tutti.

Un dibattito intenso e serrato che ha visto la partecipazione attiva di tutti i presenti. Approvato all’unanimità un documento di solidarietà, presentato dal Segretario regionale, dai Segretari provinciali del PD Marche e dal Segretario dei Giovani Democratici, in relazione agli episodi di violenza verificatisi l’altro ieri a Roma tra le forze dell’ordine e gli operai delle acciaierie di Terni durante la loro manifestazione. Solidarietà rivolta a tutti i lavoratori che rischiano di perdere la propria occupazione, ai precari e a chi il lavoro non ce l’ha affatto.

Approvata unanimemente anche la relazione politico-programmatica del Segretario regionale, Francesco Comi, dopo un lungo e partecipato scambio di proposte ed opinioni. Relazione programmatica che sarà integrata e declinata nel dettaglio nell’appuntamento seminariale, “L’impresa del cambiamento”, convocato dalla Direzione per venerdì 7 novembre. Un’iniziativa, aperta a tutti, che prevede l’istituzione di dieci tavoli tematici – sulla base delle dieci linee-guida avanzate dal Segretario regionale – che daranno un forte contributo alla definizione del programma di governo del centrosinistra in vista delle prossime elezioni regionali.

Nel complesso, dal dibattito della Direzione di ieri pomeriggio, è emersa una grande unità del Partito Democratico, interna e sul territorio, dove, grazie ad un minuzioso lavoro di tessitura, si sta costruendo una trama democratica solida ed efficace. Comune anche la consapevolezza della disgregazione di Marche 2020 e del centrodestra marchigiano, confermata dalle dinamiche verificatesi in Aula consiliare per il voto alle modifiche dello Statuto sul numero degli assessori esterni lo scorso martedì. Altro elemento chiave, messo in luce dalla Direzione, è la determinazione del PD Marche a concorrere ad un progetto serio di cambiamento. Un cambiamento concreto, che risponda a logiche di politica reale, in risposta alle esigenze più urgenti dei cittadini e del territorio marchigiano.

Il Segretario ha chiarito che non c’è alcun cambio di rotta sulla legge elettorale. “Nessuna legge elettorale – ha detto Comi – può essere approvata in assenza di una larghissima condivisione tra tutte le forze politiche. Il Pd – ha aggiunto il Segretario – sarà il garante del buon governo e della stabilità dell’azione amministrativa fino all’ultimo giorno, contenendo ritorsioni e sbandamenti”.

Torna su
AnconaToday è in caricamento