Martedì, 15 Giugno 2021
Politica

Falconara, il Pd attacca l'amministrazione Brandoni: «Dalla Giunta solo promesse da marinaio»

L'opposizione politica parla di un giunta divisa e che, al di là dei proclami, non ha mai affrontato nel merito i veri problemi di Falconara

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Nonostante la recente foto di gruppo per la tradizionale conferenza stampa di fine anno, la Giunta Brandoni mostra chiaramente il suo vero volto. Giunta divisa e paralizzata da schermaglie e lotte interne per la successione a Brandoni e dalle recenti divisioni interne - vedi Assessore che vota contro l’apertura del Mc Donald’s, espulsione di un Consigliere di maggioranza dalla lista in cui era stata eletta, frattura sulla riconferma del Comandante dei Vigili, critiche sulla gestione della protezione civile; Giunta senza guida, senza meta, deludente e che vivacchia alla giornata; Giunta consapevole dei propri limiti, che arranca, come se aspettasse mestamente la fine della legislatura, senza prospettive e senza progetto per il futuro di Falconara.

Assistiamo alla consueta gestione dell’ordinario ed alla solita elencazione delle richieste finanziarie del Sindaco rivolte agli Enti superiori, con toni di sudditanza e rassegnazione e che, difficilmente,  trovano credito:

- il rendiconto dell’Assessore ai Lavori Pubblici sugli interventi di ordinaria manutenzione fatti, quasi fossero grandi opere;

- la rassegna, dell’Assessore alla cultura e turismo, delle solite e ripetitive iniziative di eventi, mercatini e fiere sempre meno partecipate;

- le annuali lamentazioni dell’Assessore al bilancio sui rischi di minori introiti da parte dello Stato, che poi puntualmente non si verificano.

La verità, è che alla scadenza del secondo mandato della Giunta Brandoni - dopo 10 anni - i falconaresi si troveranno a dover affrontare le criticità e i grossi problemi della città irrisolti, se non peggiorati:

  1. I contenitori e le aree industriali dismesse ancora senza alcuna prospettiva, compresa la ex Montedison, l’ex garage Fanesi, la struttura pubblica di Via Puglie. Il Sindaco brinda alla installazione del nuovo cavallino illuminato dell’API, senza farsi carico degli ulteriori esuberi di 50 dipendenti preannunciati dalla Direzione dell’azienda e delle prospettive del sito industriale.
  2. Una situazione ambientale immutata con le polveri sottili che fanno da padrone; le nubi maleodoranti che ammorbano periodicamente l’aria senza che sia stata trovata la causa della loro origine; la raccolta differenziata dei rifiuti in forte ritardo rispetto agli altri Comuni della Provincia; il rilancio del turismo e del tempo libero fortemente compromesso dalla superficiale e dissennata gestione degli impianti fognari lungo l’arenile, in sintonia con il gestore Multiservizi, che ha fatto registrare, nella passata stagione estiva, il record di sversamenti e ben dieci divieti di balneazione, che avranno l’effetto di tenere lontani tanti turisti dalla spiaggia di Falconara nella prossima estate. Con le pulizie e gli interventi messi in atto a settembre si è scoperto quello che era ovvio a tutti, ovvero che gli impianti di sollevamento lungo l’arenile erano intasati di detriti e calcinacci per carenza di manutenzione e che, pertanto, diventa prioritaria la realizzazione delle vasche-volano senza la necessità di altri studi.
  3. L’impegno per la sicurezza non è più una priorità per la città, tanto da venir posta in secondo piano con la scelta di un Comandante dei vigili “prestato” dal Comune di Ancona per un giorno alla settimana. Saremo sempre più dipendenti dal Comune di Ancona, come sperimentato già con la viabilità lungo la Via Redi.
  4. Quando poi la Giunta prova a mettere in campo qualche iniziativa, puntualmente ne sbaglia l’approccio, creando costose vertenze legali: contenzioso con la Società  che avrebbe dovuto realizzare il Parcheggio Multipiano della Stazione con consequenziale richiesta di risarcimento danni milionario; contenzioso per la lottizzazione Cavoli del Tesoro; contenzioso recente con la Società Telecom-Vodafone per l’installazione di un’antenna di telefonia.

Tanto basta per bocciare questa Giunta....“giunta” alla frutta. Falconara merita un’amministrazione migliore. Il gruppo consiliare PD continuerà ad impegnarsi sulle tante criticità del nostro territorio, facendo  un’opposizione attenta, dura e vigile, ma sempre costruttiva e volta all’interesse della collettività. Il nostro obbiettivo sarà - non solo quello di vigilare e di essere la “sentinella” dell’interesse dei Falconaresi - ma anche quello di costruire un progetto condiviso ed una valida alternativa a questa Giunta - che vive di sola comunicazione e di interventi spot - e che ridisegni il futuro della nostra Falconara in una prospettiva di crescita e sviluppo.

Gruppo Consiliare PD di Falconara

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falconara, il Pd attacca l'amministrazione Brandoni: «Dalla Giunta solo promesse da marinaio»

AnconaToday è in caricamento